News Siria Zoom

La Siria ed il film “Return to Homs” premiati al Sundance Festival

Di Yousef Shaykhu. Orient-News (26/01/2014). Traduzione di Claudia Avolio.

Zoom 27 gen Homs SundanceIl film “Return to Homs” (al-‘awda ila’ Homs in arabo) si è aggiudicato il World Cinema Grand Jury Price For Documentary al Sundance Festival svoltosi a Park City – Utah (Stati Uniti) dal 16 al 26 gennaio. La pellicola, diretta dal regista siriano Talal Derki, offre uno spaccato delle prime proteste del tutto pacifiche intraprese in Siria e delle circostanze che hanno portato al passaggio all’azione armata.

Quella che ci viene proposta è la vita di tutti i giorni dei protagonisti, che si svolge ad Homs, e che è incarnata soprattutto dal “cantante della rivoluzione” Abdel Basset As-Sarout. Alle manifestazioni pacifiche tra canti e danze contrapposti ai carri armati, si alternano i momenti che vedono i protagonisti obbligati ad imbracciare le armi, con la città di Homs che viene posta sotto assedio.

Prodotto da Orwa Nyrabia per la Proaction Film e girato oltre che da Derki e dallo stesso Nyrabia anche da Kahtan Hassoun e Ossama al-Homsi, il documentario ripercorre coi suoi protagonisti tutti i particolari delle loro vite e delle trasformazioni cui vanno incontro, presentandoci un’istantanea dell’esperienza della rivoluzione siriana, e di Homs in particolare. Il regista Talal Derki ha dedicato il premio proprio a Homs e a chi “è privato di cibo e medicine e resta ben saldo nonostante tutto, ora che lo stato d’assedio è giunto quasi al suo giorno numero 600”.

Talal Derki ha confessato ad Orient Net che le riprese hanno rischiato di fermarsi poiché costituivano una minaccia per i protagonisti che potevano finire in prigione o essere uccisi, e lo stesso poteva toccare alla troupe. Il film è stato proiettato in anteprima mondiale lo scorso novembre nella serata inaugurale del Festival internazionale del Documentario di Amsterdam (IDFA). La co-produzione siriana-tedesca ha ricevuto il supporto di istituti culturali e media e ha visto la partecipazione del tedesco Hans Robert Eisenhower e di Diana El Jeiroudi.

In una nota rilasciata alla stampa, Orwa Nyrabia ha detto che questo premio sottintende che i siriani non sono soli e che il festival ha contribuito a far conoscere al pubblico americano uno straordinario racconto della Siria. Svezia, Grecia, Repubblica Ceca, Londra, Ginevra, Parigi, Istanbul e Bologna (tra le altre) sono le prossime tappe del film. Ricordiamo che il Sundance Festival è stato creato nel 1981 da Robert Redford per dare spazio al cinema indipendente.

Qui, il trailer del film “Return to Homs”

Vai all’originale

 

Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet