News Società

Iraq: il divieto di fumare non ha limitato la diffusione delle sigarette nelle classi popolari

Elaph (27/08/2012). Alcuni mesi dopo l’adozione della legge che vieta di fumare nel luoghi pubblici, la realtà dei fatti ci dice che per alcuni fumatori è indifferente che la legge sia applicata o meno, perché semplicemente non possono essere costretti a farlo. Tutto ciò coincide con l’aumento delle tipologie di sigarette che entrano in Iraq senza mostrare segni di controllo sulla qualità e la quantità del tabacco importato attraverso il confine e molte volte si tratta di merce falsificata priva delle condizioni sanitarie necessarie.

Le statistiche indicano che più di un terzo della popolazione irachena è costituita da fumatori, concentrati principalmente tra gli uomini che soddisfano il proprio desiderio con sigarette a buon mercato, causa principale dell’aumento della percentuale di fumatori nel paese.


Viviana Schiavo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet