- Home > I Blog di Arabpress > Da Kabul a Teheran > Iran, sentenza definitiva per il regista Keywan Karimi: 223 frustate e un anno di carcere
Da Kabul a Teheran I Blog di Arabpress Iran

Iran, sentenza definitiva per il regista Keywan Karimi: 223 frustate e un anno di carcere

Articolo di Katia Cerratti

È arrivata, implacabile e amara, la sentenza definitiva per il regista curdo iraniano Keywan Karimi: un anno di carcere, 223 frustate e il pagamento di una multa di 20 milioni di rial. Un calvario iniziato il 14 dicembre 2013, quando la polizia irrompe nella casa di Keywan, sequestra i suoi hard disk e lo arresta. Rilasciato su cauzione dopo 12 giorni di isolamento, il regista, nel giro di un anno e mezzo si recherà ben otto volte in tribunale per esibire le prove in sua difesa, tra cui i permessi rilasciati dall’università per girare il documentario incriminato, “Writng on the city”, sui graffiti dei muri di Teheran, mai proiettato e di cui esiste solo un breve trailer sul web.

Il 13 ottobre 2015 verrà condannato in primo grado a 6 anni per aver offeso le istituzioni sacre dell’Iran con i suoi film e documentari e per aver stretto la mano a una donna. Ricorso in appello, tornerà in tribunale il 23 dicembre 2015.

Quattro giorni fa, l’amaro verdetto: la Corte d’appello di Teheran, presieduta dai giudici Pour-Arab e Babaei, ha confermato le 223 frustate, ha ridotto la pena da 6 a un anno di carcere, e ha condannato il giovane regista al pagamento di una multa di 20 milioni di rial, circa 600 euro.  Proteste, petizioni e manifestazioni non sono bastate dunque, ad annullare la condanna di Keywan, che ha reagito alla sentenza con una dignità disarmante:“L’unica cosa che possiamo sperare, per ora, è che io sia chiamato in carcere il più tardi possibile, almeno dopo il Capodanno iraniano (20 marzo), o metà aprile quando avrò finito di girare il mio ultimo film e mia mamma avrà terminato il suo ciclo di chemioterapia”.

La sentenza ha fatto il giro del mondo provocando l’indignazione delle associazioni per i diritti umani , tra cui Iran Human Rights Italia, attraverso le parole della presidente Cristina Annunziata:“È impensabile che paghi un prezzo così alto per aver esercitato il suo diritto alla libertà di espressione. La sentenza è definitiva e senza possibilità di appello, ma non dobbiamo spegnere i riflettori sul caso del giovane regista, condannato per il suo cinema impegnato e di denuncia. È fondamentale che la mobilitazione internazionale, che ha visto coinvolti nomi e volti del cinema, continui, e che l’indignazione si trasformi in solidarietà e azione concreta per evitare che Keywan Karimi entri in carcere”.

Non spegniamo i riflettori dunque, e a poche ore dalle elezioni in Iran per il rinnovo del parlamento e dell’Assemblea degli Esperti, dopo uno storico accordo sul nucleare e la fine delle sanzioni, è inaccettabile l’immagine di un paese che continua imperterrito a mettere il cappio alle idee, alla dignità e alla libertà di espressione.

Keywan Karimi ha avuto successo anche a livello internazionale con il cortometraggio “L’avventura di due sposi”, basato su una novella di Italo Calvino, di cui riportiamo il video che segue.


Katia Cerratti

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz