Cultura Iran News

Iran: poetessa minacciata per aver tradotto “Il blu è un colore caldo”

Iran potessa in(Le Monde). Sepideh Jodeyri, poetessa iraniana che vive a Praga, ha di recente tradotto il fumetto francese “Il blu è un colore caldo” (adattato per il cinema dal regista Abdellatif Kechiche col titolo “La vita di Adele”) diventando così il bersaglio di numerose critiche e minacce apparse sui media religiosi in Iran. La traduzione in persiano dell’opera ha sopratutto scatenato la collera di alcuni conservatori, in un Paese in cui l’omosessualità è punibile con la pena di morte.

Da parte sua, Sepideh Jodeyri condanna questa “caccia alle streghe” e si definisce ormai persona non grata in Iran: “Un mio evento di poesia a Teheran è stato annullato. Il mio editore è stato minacciato e la sua licenza è stata sospesa”.

Quanto all’autrice del fumetto, la francese Julie Maroh, ha espresso la sua collera dicendo che si tratta di “un’ulteriore attentato alla nostra libertà di scrivere, di leggere, di comunicare e sopratutto di amare”.

 

Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet