Con altre parole I Blog di Arabpress Letteratura

“Il Santo Sufi della Valle del Nilo” di Francesco Alfonso Leccese

Dal blog Con altre parole di Beatrice Tauro

Il santo sufi della valle del NiloIl volume di cui ci occupiamo oggi è uno studio sulla figura del Sayh Muhammad ‘Utman ‘Abduhu, una delle figure più carismatiche del Sufismo del ventesimo secolo nella regione della Valle del Nilo, a cura dell’islamologo Francesco Alfonso Leccese.

Lo studio di questa carismatica figura si inserisce nel più vasto studio del Sufismo quale componente essenziale del mondo musulmano. Il maestro sudanese Muhammad ‘Utman ha diffuso il proprio insegnamento attraverso la trasmissione orale e solo in maniera minoritaria attraverso testi scritti ad uso esclusivo della sua confraternita di appartenenza. Egli apportò rilevanti innovazioni nei rituali Sufi, pur mantenendo salda l’autorità tradizionale. A testimonianza della sua capacità attrattiva trasversale dal punto di vista sociologico si rileva che la sua confraternita si diffuse fra la classe media urbana egiziana già a partire dagli anni Sessanta del secolo scorso. La società araba contemporanea era e resta alla ricerca della sua dimensione spirituale profonda.

Il volume affronta dapprima la dimensione storica relativa alla diffusione del Sufismo nella Valle del Nilo a partire dal XII secolo, tracciando un approfondito excursus che approda agli sviluppi del XX secolo.

A seguire l’autore sviluppa dapprima l’aspetto biografico di Muhammad ‘Utman e poi quello relativo alla dottrina e alle opere.

A tale riguardo verticalizziamo sul capitolo dedicato ai tre “gradi della religione”: Islam, Iman e Ihsan, che corrispondono rispettivamente alla scienza della certezza, alla visione della certezza e alla certezza assoluta. “Il termine Islam significa sottomissione. Esso implica la conoscenza e l’osservanza della shari’a: regole di natura concreta, relative alla sfera corporea e materiale”. Il secondo grado è l’Iman “La pratica religiosa di questo grado consiste nel dikr qalbi del nome Allah che nasce dal timore di Dio”. Infine il terzo grado, l’Ihsan: “Una volta che il cuore è stato purificato attraverso la pratica costante del dikr…esso sarà inondato della luce del nome Allah”. Ihsan come assoluta perfezione.

Il volume si conclude con un capitolo dedicato al metodo Sufi, con la spiegazione dei rituali come strumento di sostentamento spirituale quotidiano, sia individuali che collettivi.

Questo volume, sebbene possa apparire come più adatto a un pubblico di addetti ai lavori, in realtà riesce ad avvicinare il lettore a una materia e a personaggi di sicuro fascino che aprono alla scoperta di un mondo ancora troppo sconosciuto ai più.

 

Il santo sufi della valle del Nilo di Francesco Alfonso Leccese, Edizioni Jouvence (2018).


Beatrice Tauro

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.