EAU News Siria

Il graduale ritorno della Siria sulla scena diplomatica

L’Orient-Le Jour 28/12/2018)                    Traduzione e sintesi di Katia Cerratti

La riapertura dell’Ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Damasco è, attualmente, il segnale più indicativo degli sforzi in corso da diversi mesi per riportare la Siria di Bashar al-Assad nell’arena diplomatica. Una  tendenza che potrebbe rafforzarsi  nelle prossime settimane.

Notevoli progressi sono stati realizzati in questa direzione. Il 29 settembre infatti, il ministro degli Esteri siriano Walid Mouallem, ha incontrato il suo omologo del Bahrain durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il 16 dicembre, il presidente sudanese Omar al-Bashir ha incontrato Assad a Damasco, diventando così  il primo capo di Stato arabo a visitare la Siria dal 2011. Il 22 dicembre, il più alto responsabile della sicurezza siriano, il generale Ali Mamlouk, si è recato al Cairo per intavolare colloqui con il suo omologo egiziano. E’ la sua seconda visita ufficiale in Egitto dal 2016.

Il 27 dicembre, gli Emirati Arabi Uniti hanno dunque riaperto la loro ambasciata  a Damasco e si tratta del primo stato del Golfo a prendere un’iniziativa del genere dopo l’annuncio da parte dei sei Paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (CCG), di ritirare i loro ambasciatori in Siria nel 2012.

E anche il Bahrein, nello stesso giorno, ha espresso l’intenzione  di riaprire la sua ambasciata nella capitale siriana. Cosa dobbiamo aspettarci dunque? Ormai, tutti gli occhi sono puntati sui pesi massimi del mondo arabo, l’Egitto e l’Arabia Saudita. Il Cairo potrebbe rafforzare il suo livello di rappresentanza, con un ambasciatore al posto di un incaricato d’affari e Riyadh potrebbe riaprire la sua ambasciata.

Il quotidiano libanese al-Akhbar, vicino a Hezbollah, ha segnalato, nella sua edizione del  venerdì, che la Giordania sta considerando la nomina di un nuovo ambasciatore in Siria. Il 19 e il 20 gennaio, la Lega araba terrà un summit economico a Beirut, che potrebbe offrire ai funzionari siriani l’opportunità di incontri ad alto livello con i loro omologhi regionali. Ma la partecipazione della Siria al vertice è in fase di negoziazione. La Siria è stata sospesa dalla Lega Araba nel novembre 2011, solo pochi mesi dopo l’inizio del conflitto. Alla fine di marzo è previsto inoltre, un vertice della lega a Tunisi. L’organizzazione panaraba ha avvertito che non vi è alcun “consenso” a  un eventuale reintegro della Siria, tuttavia non ha escluso  la “la possibilità di un cambiamento della posizione araba”.

Vai all’originale


Katia Cerratti

Giornalista professionista, laureata in Lingue orientali con una tesi in Islamistica sull’integralismo islamico in Egitto, comincia ad amare la lingua araba all’età di undici anni, quando un compagno di scuola, marocchino, le scrive il nome in arabo sul diario: Muhammad محمد. Coltiva negli anni una grande passione per il multiculturalismo, la difesa dei diritti umani e delle minoranze, segue la politica estera in particolare di Asia e Medio Oriente e la vita culturale di queste regioni. Inizia a scrivere sul "Calendario del popolo” di Nicola Teti, ha collaborato con il settimanale Left e con le testate online arabismo.it e newscinema.eu, e attualmente scrive per arabpress.eu. Da molti anni lavora nella redazione Media Management di Rainews24.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz