I Blog di Arabpress News Politica

Il governo della Tunisia sotto assedio per le mancate riforme

di Stefano Maria Torelli

Il governo provvisorio di Tunisi continua ad essere tenuto sotto assedio dalle forze di opposizione – laiche e islamiste – e dalla società civile, per via della situazione socio-economica del Paese, ritenuta ancora non soddisfacente da gran parte della popolazione tunisina. In effetti, a più di un anno e mezzo della caduta di Ben ‘Ali e a quasi un anno dalle elezioni di ottobre 2011, che sancirono la vittoria di al-Nahda come primo partito del Paese, le condizioni generali della Tunisia sembrano ancora non essere risollevate, nonostante le promesse e i proclami fatti dal governo in carica.

Proprio per questo, il 7 settembre sono scese in piazza migliaia di persone a Piazza al-Kasbah, a Tunisi, per protestare contro le mancate riforme e incitare il governo a fare di più per il sociale e per migliorare la situazione economica del Paese. La manifestazione è stata convocata nell’ambito della campagna di un gruppo di giovani attivisti chiamata “Ekbas” (letteralmente “stringere, rafforzare”, in riferimento alle pressioni fatte al governo e all’adempimento agli ideali delle rivolte), di cui fanno parte molti giovani di al-Nahda. Quest’ultimo elemento fa riflettere sul clima di insoddisfazione che regna a Tunisi, se si pensa che lo stesso al-Nahda, insieme ad Ettakatol e al Congresso per la Repubblica, è parte del governo in carica, contro cui si sono rivolte le proteste.

Tra le richieste fatte dai manifestanti, vi sono quelle di escludere dalla vita politica e dai media gli ex appartenenti al RCD, il partito di Ben ‘Ali, per almeno dieci anni. Inoltre, i manifestanti minacciano altre proteste se non saranno al più presto messe in atto le riforme in ambito giudiziario, del Ministero dell’Interno e del sistema mediatico e di informazione. Al-Nahda, dal suo canto, tenta di mitigare le proteste tramite promesse di nuove riforme e anche alcuni gesti concreti. Il giorno prima della manifestazione di Piazza al-Kasbah, infatti, il partito islamico al governo aveva annunciato che i suoi 89 deputati all’Assemblea Costituente avrebbero donato l’equivalente di 6 giorni di stipendio alle casse dello Stato, oltre a donare 1.000 dinari a testa (circa 500 euro), da destinare a iniziative caritatevoli, come comprare computer per le scuole primarie di aree periferiche del Paese. Evidentemente non è bastato a placare la rabbia dei giovani tunisini.


Claudia Avolio

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz