Iraq News Turchia Zoom

I turkmeni iracheni: “Abbandonati dalla Turchia”

Di Fehim Tastekin. Al-Monitor (20/06/2014). Traduzione e sintesi di Viviana Schiavo.

Recentemente la Turchia è stata oggetto di forti critiche provenienti dalla comunità turkmena irachena. Mentre i sunniti turkmeni criticano Ankara per aver abbandonato le sue linee rosse, i loro parenti sciiti la incolpano per l’insurrezione guidata dallo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS) e dalle tribù sunnite. Le argomentazioni sciite si basano sul supporto logistico ricevuto dall’ISIS presso i confini turco-siriani e il rifiuto della Turchia di estradare Tariq al-Hashemi, l’ex vicepresidente iracheno sostenitore della ribellione sunnita.

I turkmeni sunniti, dal canto loro, credono che la Turchia abbia abbandonato la comunità turkmena per evitare di danneggiare i suoi rapporti strategici con il governo regionale del Kurdistan. Ciò che principalmente incoraggia la Turchia a schierarsi con i curdi è il fatto che le forze peshmerga del governo regionale del Kurdistan hanno assunto la difesa di diversi insediamenti turkmeni.

Il dibattito sul ruolo della Turchia si è infiammato dopo che l’ISIS ha occupato Tal Afar e una serie di altri insediamenti turkmeni, tra cui Sherihan, nella provincia di Mosul, e la città di Bashir, nella provincia di Kirkuk. I peshmerga hanno organizzato posti di blocco sulla strada da Kirkuk a Riyaz e Havija, entrambe fuori dal controllo del governo, ed hanno costruito un campo sulla riva dello Zab, trasformando il fiume di Kirkuk nel nuovo confine. I peshmerga hanno il controllo sulla riva Est del fiume, mentre la riva Ovest è in mano araba. Poco più a Nord, il villaggio di Mullah Abduallah è stato diviso tra i curdi e l’ISIS.

È piuttosto sorprendente incontrare dei soldati turkmeni tra i ranghi dei peshmerga. In alcuni insediamenti turkmeni, tra cui le città di Bashir, Taza Khormato e Tuz Khormato, i peshmerga e i turkmeni combattono fianco a fianco contro l’ISIS. Senza dubbio, alcuni turkmeni sono grati della protezione curda, mentre altri temono che i curdi non lasceranno mai le aree su cui hanno preso il controllo durante la crisi.

La rabbia contro la mancanza di azione della Turchia è palpabile: “La Turchia continua a dire che i turkmeni sono dei fratelli, ma perché non sta facendo niente? L’ISIS ci distruggerà”, dice Huseyin, un giovane turkmeno.

Vai all’originale

 


Viviana Schiavo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz