Africa Immigrazione Libia Zoom

Gli Emirati sostengono la tratta di esseri umani in Libia

immigrati
Gli Emirati Arabi Uniti tra i paesi che finanziano il traffico di migranti africani in Libia. Con quali obiettivi?

Lo Speciale di Al-Araby al-Jadeed (05/02/18). Traduzione e sintesi di Cristina Tardolini.

Un alto responsabile dell’agenzia governativa libica contro l’immigrazione illegale ha rivelato prove del coinvolgimento degli Emirati Arabi dietro il sostegno e il finanziamento della tratta di esseri umani di cui fanno parte i migranti africani in Libia.

“Le autorità degli Emirati Arabi Uniti non sono le sole coinvolte in questo commercio: ci sono altri paesi, e ognuno ha obiettivi diversi, come ad esempio introdurre manodopera a basso costo facilitando l’ingresso di immigrati nei paesi europei, compresa una politica di finanziamento degli Emirati e di altri paesi per queste attività”, ha detto il responsabile, il quale ha chiesto di non rivelare il suo nome per la natura sensibile delle informazioni riportate ad Al-Araby al-Jadeed.

Il funzionario, dopo aver evidenziato che anche le dispute interne tra i Paesi europei in merito alla gestione dei migranti sono parte in causa dell’immigrazione illegale, ha inoltre sottolineato che il finanziamento da parte di questo paese per il commercio umano non è circoscritto alla Libia. “La tratta di esseri umani è complessa ed è controllata da libici, sudanesi e nigeriani, ma le chiavi sono nelle mani degli eritrei; ci sono inoltre altre mani nascoste”, ha detto il responsabile. “Alcune indagini con gli immigrati nei rifugi libici hanno dimostrato che c’è una tribù eritrea, conosciuta con il nome di Rashaida, che ha il controllo di questo commercio. I nostri documenti, comprese le intercettazioni telefoniche, confermano che l’autorità di Abu Dhabi è dietro l’incoraggiamento e il sostegno di criminali che agiscono come trafficanti di esseri umani. “I nomi principali sono quelli di 11 pericolosi contrabbandieri che viaggiano tra l’Etiopia e la Libia e sono attivi anche nell’area del Sinai in Egitto.” Per quanto riguarda la forma di finanziamento e sostegno che si ritiene gli Emirati Arabi Uniti forniscano a questi contrabbandieri, il funzionario ha affermato “che essa avviene attraverso la dotazione di moderni veicoli da trasporto nel deserto, molti dei quali sono stati sequestrati, così come per gli armamenti: le reti di trafficanti non riguardano solo il contrabbando di persone ma anche altre attività “.

La fonte ha poi indicato un’altra forma di supporto per fornire protezione ai contrabbandieri e ha detto: “Nel 2015 un impiegato dell’ambasciata eritrea a Tripoli ha sfruttato la propria posizione lavorativa per facilitare l’arrivo dei migranti in Libia attraverso i suoi molteplici alleati dall’Eritrea al Sudan fino in Libia”. Il funzionario ha tuttavia sottolineato che non è possibile dimostrare il coinvolgimento degli Emirati Arabi Uniti e degli altri paesi, poiché non si occupano direttamente dei trafficanti di esseri umani e non interferiscono nei dettagli ma li finanziano, per far sì che il fenomeno del contrabbando continui, anche per molte ragioni politiche.

Sembra che ci siano obiettivi in diversi paesi, ma possiamo parlare per lo meno della Libia: è evidente che questo commercio è quasi inesistente nell’est del paese, mentre invece è attivo nell’ovest, dove vi è il controllo delle varie fazioni armate. È anche probabile che gli Emirati incoraggino la migrazione verso alcuni paesi in Europa per fare pressione su questi e raggiungere determinati obiettivi politici.

Vai all’originale.

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Redazione

1 Commento

Clicca qui per postare un commento

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz