Cultura Tunisia Zoom

Fate spazio alle nuove Queens tunisine

di Emma Djilali. Middle East Eye (12/08/2016). Traduzione e sintesi di Silvia Di Cesare

Boutheina El Alouadi entra in un caffè presso il Centro Culturale Neapolis a Nabeul. Dopo aver ricevuto un caloroso benvenuto da quasi tutto ill palazzo, spiega che il centro culturale è a pochi passi dalla sua casa d’infanzia.

Quando El Alouadi, Medusa il suo nome da artista, scritto ed eseguito la sua prima canzone rap nella sua città di Nabeul, aveva solo 16. Da allora, la 25enne ballerina- rapper si è esibita in numerosi festival di musica e ha collaborato con diversi artisti di fama internazionale, tra cui Olof Dreijer e il duo elettronico svedese The Knife.

El Alouadi ha iniziato a prendere lezioni di danza classica a 6 anni, ma sin da piccola è stata sedotta dall’hip hop, essendo questo un affare di famiglia.

“Mio fratello era un breakdancer e un rapper e mio zio è un rapper. Quando ho visto mio fratello fare breakdance, ho voluto provare anche io. “

 

Questioni di famiglia

Quindici anni fa, l’hobby scelto da El Alouadi era un po un’anomalia: le donne e l’hip hop erano ancora una combinazione sconosciuta nella società tunisina. “Le donne semplicemente non facevano hip hop. Veniva visto come haram (proibito dalla legge islamica).”

La sua esperienza, però, era diversa.

Da adolescente, la sua famiglia si fidava di El Alouadi abbastanza da farle trascorrere del tempo con i ragazzi: “ho sempre avuto amici maschi,. Mi hanno sempre trattato come mio fratello quando ho voluto registrare la mia musica, che è molto costoso in Tunisia, è stata la mia famiglia che mi ha dato i soldi per farlo.”

Un’industria dominata dagli uomini

Una delle cose che distingue i testi di El Alouadi da quelle dei suoi colleghi rapper è il suopunto di vista femminista.

“I temi che uso nel mio rap sono molto diversi da altri rapper in Tunisia. Qui, purtroppo, molti rapper mainstream parlano solo di ragazze e alcol “, dice.

Ma questo non è un problema solo della Tunisia. Il rap è molto spesso accusato di misoginia e le rapper femminili sono troppo spesso tenute ad un livello diverso rispetto ai loro colleghi maschi.

In un primo momento, El Alouadi è riluttante a commentare il tema della misoginia nella cultura hip hop. Ma più tardi, ammette che la scena hip hop può essere molto machista. “Come rapper femminile, ho dovuto spesso affrontare molestie sessuali durante spettacoli, o agli eventi. Ma  non voglio generalizzare, per rispetto a coloro che non lo fanno. “

Quando si tratta di altri rapper di sesso femminile in Tunisia, El Alouadi non nasconde la sua delusione. “Ci sono alcune donne che lo fanno, ma non ci sono molte donne che si impegnano tanto quanto me. Ho messo tutto nella mia carriera e mi piacerebbe vedere altre tunisine fare quello che ho fatto io”.

Dove sono le altre rapper donne?

L’apparente assenza di rapper femminili potrebbe derivare da una miriade di fattori, mancanza di visibilità e / o di riconoscimento delle artiste esistenti nella sfera pubblica, che a sua volta scoraggia altre donne di entrare nella scena . Questo, tuttavia, è un problema che affligge gli artisti tunisini in generale.

“C’è un proverbio che dice, ‘nessuno è profeta nella sua patria.’ Se si fa qualcosa qui, in Tunisia, si faranno gioco di te; diranno che hai copiato un altro artista. Ma quando si va all’estero e si torna famosi, allora ti accolgono a braccia aperte “, dice El Alouadi.

Infatti mentre è raro trovare rapper femminili, vj o artisti hip hop in Tunisia, vi sono molte artiste tunisine che vivono e lavorano all’estero: Deena Abdelwahed, Missy Ness, e El Dej, per dirne alcune.

“In Tunisia ci sentiamo come se cantassimo nel buio. Noi non abbiamo lo status di artista … non abbiamo nemmeno l’assicurazione medica. Il governo non apprezzano gli artisti. “

Per El Alouadi, l’investimento nella cultura è la chiave per scoraggiare i giovani a dirigersi verso la violenza e l’estremismo. “Se i giovani non imparano qualcosa di utile, ricco, come l’arte, prenderanno strade pericolose”.

 

Fare luce sulla gioventù dell’hip hop

Tag Store è una scossa inaspettata di colore nel cuore del centro di Tunisi. I graffiti ricoprono le pareti e gli edifici di Rue de Lenine circostanti; una vibrante energia caotica. I giovani sono sparsi lungo l’intero palazzo.

Questo è il progetto di Arte Solution, un’associazione che opera per la promozione e il sostegno della cultura dal basso in Tunisia. L’associazione, fondata da Chouaieb nel 2011 lavora attualmente con il British Council, ed è divenuta un punto cardine per la giovane comunità hip hop della Tunisia.

Per Sana Jlassi, direttore delle comunicazioni e della logistica di Art Solution, l’associazione è stato un modo per entrare in contatto con giovani emarginati.

Jlassi ritiene che questo tipo di struttura è particolarmente importante quando si tratta di migliorare la visibilità e l’inclusione delle donne nel hip hop. “Le donne hanno sempre costituito una parte essenziale della comunità hip hop, ma ora il loro lavoro viene valorizzato, mentre prima, non lo era. non avevano mai sentito parlare di uno con l’altro. E ‘sufficiente disporre di una piattaforma. “

Art Solution è servito come ponte importante tra la comunità più matura di artisti di sesso femminile, ed ha anche svolto un ruolo importante nella formazione di giovani talenti come Nour Ben Soltan, una B-girl (breakdancer) di 17 anni, che ha iniziato ad essere un nome nella scena hip hop.

Quando si tratta di pressioni sociali e stigmatizzazione delle donne nell’hip hop, Ben Soltan dice che sono cose che non la toccano.

“Come sono percepita  dalla società è l’ultima delle mie preoccupazioni, fintanto che posso portare avanti la mia passione ed  eccellere in quello che faccio. È una questione di sapere ciò che si vuole e, allo stesso tempo, non soccombere alla pressione degli altri “.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz