Bahrein Economia Zoom

Dobbiamo prepararci per una epoca senza petrolio

Di Abdulrahman Al-Rashed,  Asharq al-Awsat (29-07-2017).
Il Bahrain era una volta un ricco mercato del commercio di perle. Un giorno le cose sono cambiate in quanto i giapponesi hanno scoperto alternative industriali più economiche e produttive. Il commercio principale del Bahrain è crollato, le barche da pesca si sono fermate e la regione del Golfo ha perso una delle sue risorse finanziarie più importanti.
Questa stessa storia può accadere di nuovo con il petrolio, in particolare adesso che le alternative ci sono. I governi di diversi paesi incoraggiano l’industria delle macchine elettriche e progettano di porre fine all’era delle automobili a benzina o diesel.
Gran Bretagna, Francia, Germania, Paesi Bassi così come l’India e Cina hanno annunciato la loro intenzione di sbarazzarsi del petrolio per le automobili. Abbiamo già assistito a come le macchine hanno sostituito i vecchi mezzi di trasporto come cavalli e asini. Oggi la storia si sta ripetendo.
Questo è quel che rende idee e progetti come la Vision 2030 dell’Arabia Saudita una questione esistenziale perché si basa sulla ricerca di un reddito alternativo al petrolio; Altrimenti, saremmo in un reale pericolo.
La nuova realtà richiede una razionalizzazione di una gran parte della spesa pubblica, educare le persone su come gestire i loro risparmi, riformare l’istruzione e l’occupazione e migliorare la condizione delle donne; Altrimenti il futuro della zona sarà molto difficile.
Anche se le autovetture a benzina e diesel hanno ancora due decenni nella loro vita in alcuni importanti mercati mondiali, tuttavia i ricavi petroliferi soffrono oggi la caduta dei prezzi.
L’economia non può sopravvivere con questi alti tassi di occupazione straniera e disoccupazione locale o con il sostegno pubblico per vari beni e servizi. Tutto ciò renderà molto difficile il compito per il governo saudita e per i cittadini nei prossimi anni.
Nessuno è consapevole di ciò che sta succedendo nel mondo o addirittura dubita della necessità di spostarsi in una nuova fase che si basa meno sul petrolio. Pertanto, annunciare l’inaugurazione della Vision 2030 è venuto come una lettura consapevole e responsabile prima che i paesi cambino la storia nell’industria automobilistica, che sarà un grande colpo per il mercato petrolifero.
Saremo testimoni di una dura corsa tra la riduzione della nostra dipendenza dalle risorse petrolifere e quella dai suoi derivati ​​del carburante per auto.
Non usare benzina e diesel non significa la fine dell’era del petrolio, ma è un duro colpo ai prodotti e i mercati più importanti che sono la fonte del nostro principale reddito.
Nonostante questo, il petrolio rimarrà una fonte di vita in altre aree per lungo tempo. È il carburante per aeromobili e navi. Utile per generatori di energia elettrica, impianti di dissalazione, utilizzati nel settore del riscaldamento, utilizzati come asfalto e un componente chiave in molte industrie dal ferro al shampoo, dentifricio e perfino cuori artificiali.
Ho sentito scettici dire che il limite di 20 anni per la benzina e il diesel non è realistico e il petrolio continuerà ad essere necessario, sostenendo che la percentuale di autovetture elettriche in Gran Bretagna è solo l’1% di oggi. Tuttavia, abbiamo visto come il mondo sta cambiando in tempi rapidi abbracciando le tecniche più moderne.
Per tutto questo l’Arabia Saudita deve cambiare strategia per essere in grado di sfidare e superare la crisi.
I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu

Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz