Egitto Zoom

Dall’Egitto e poi più in là: le mire imperialistiche di Napoleone

Di Wael Giamal El-Din. BBC (23/09/2015). Traduzione e sintesi di Paola Conti.

Napoleone Bonaparte trascorse un anno in Egitto durante la sua campagna militare in Oriente (1798-1801), lasciando dietro di sé molti documenti e lettere che offrono risposte a numerose domande che solleticano la fantasia di scrittori e storici francesi, europei ed egiziani. La Francia ha mobilitato scienziati ed esperti per raccogliere tutta la corrispondenza di Napoleone in 12 volumi, pubblicati per la prima volta. Il secondo volume riguarda in particolare l’Egitto e contiene circa 1600 documenti che comprendono direttive, scritti, ordini militari, ecc.

L’Istituto di Lettere e Manoscritti collegato al ministero della Cultura francese ha sbloccato questi documenti anni fa, dopo esser stati registrati e custoditi negli archivi del ministero degli Esteri e della Difesa francesi. All’Egyptian Scientific Institute è stata affidata la traduzione e pubblicazione della parte inerente la campagna francese in Egitto.

La traduzione dei documenti è pubblicata in due tomi, dal titolo “ Gli ordini militari di Napoleone Bonaparte” (1798-1799), per la prima volta in lingua araba dopo 217 anni dalla campagna napoleonica in Egitto. Il traduttore del libro Ahmad Yusef,  professore alla Sorbona, riferisce alla BBC che tale lavoro “svela i segreti del primo scontro armato tra Oriente e Occidente dall’epoca delle Crociate”.

Yusef conferma che ci sono importanti documenti riguardo al “sogno di Napoleone di fondare una grande base marittima nella città di Safaga per dominare il Mar Rosso, di fare dell’ Egitto la base di un enorme impero esteso dall’est di Suez sino all’Iran, all’Afghanistan, all’India e della sua ambizione di estendere i confini orientali dell’Egitto da Al-Arish sino allo stretto di Bab el -Mandeb.

Yusef aggiunge, inoltre, che la corrispondenza “evidenzia la modalità della gestione degli affari dell’esercito francese in Egitto, oltre a documenti riguardanti ad esempio Yacoub Hanna nato a Mallawi nel 1745, un egiziano cristiano che formò una milizia di egiziani cristiani, composta da circa 2000 soldati, per combattere la campagna francese.

Lo storico francese Henry Laurens afferma che il progetto di Napoleone di fondare un impero nella “Dar al-Islam” (Casa dell’Islam) è stato il preludio dell’attuale scontro tra Islam ed Occidente. Mohammed El-Sharnouby, ha riferito alla BBC che l’Egyptian Scientific Institute, di cui è segretario generale, ha ricevuto dall’Istituto di Lettere e Manoscritti francese una donazione assegnatagli per completare il progetto di traduzione in lingua araba della summenzionata corrispondenza.

Ha inoltre aggiunto che “questa grande quantità di documenti inerenti l’Egitto rettifica il corso della storia e molti degli errori e delle interpretazioni errate che da anni sono connesse alla campagna francese in Egitto”.

Tra i documenti più strani pubblicati per la prima volta, anche il mandato di Napoleone al generale Klèber, suo successore nella guida della campagna, in cui viene detto: “Se si vuole comandare in Egitto per un lungo periodo si devono rispettare i sentimenti religiosi della gente e la sacralità delle loro case”. In un messaggio di congratulazioni del 26 febbraio 1799 per un altro generale, si afferma invece: “Il miglior modo per salvaguardare la pace in Egitto è adottare la dottrina dell’Islam o almeno non esservi ostile”. Napoleone resta nell’immaginario collettivo dei francesi, egli è il figlio della rivoluzione francese, portatore dei principi umanitari di libertà, uguaglianza e fraternità imposti talvolta con la scienza e talaltra con le pistole. Finisce la sua vita in un’isola remota, ma rimane ancora oggi ispirazione per filosofi, scienziati, scrittori e leader d’Europa.

Wael Giamal El-Din è un giornalista egiziano

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz