Daesh Religione Zoom

Daesh e la demonizzazione dell’Islam

Di Munir al-Khatib. As-Safir (05/03/2015). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo.

#notinmyname musulmani anti daishDemonizzare l’Islam: questa è la più grande minaccia dell’esistenza e della diffusione di Daesh (ISIS). Non sono le minacce a Roma, né quelle ai Paesi infedeli. Il vero pericolo è ciò che resta dell’immagine dell’islam e dei musulmani.

Purtroppo, i nemici dell’Islam sono riusciti a legare la loro ferocia ad alcuni musulmani, creando un nuovo islam. Nessuna religione difende l’identità dei suoi seguaci, non ci dice se un americano, un francese, un tedesco è cristiano o ebreo. Tuttavia, i musulmani oggi vengono ad ogni modo classificati secondo la loro religione.

Non è possibile cambiare questo pregiudizio, se non attraverso una re-interpretazione dei testi religiosi che incitano all’omicidio, ad abbattere gli idoli politeisti e chi si allontana dalla fede. I tentativi riformisti di studiosi e filosofi sono stati numerosi nel corso dei secoli, ma le loro interpretazioni hanno raggiunto solo un numero limitato di seguaci.

È importante che queste interpretazioni vengano diffuse nella comunità musulmana, non solo in una piccola parte di essa. Non importa come i musulmani vedono loro stessi, ma come gli altri vedono i musulmani, perché è l’altro a definire la nostra immagine, anche se non la accettiamo e la contrastiamo.

Non saranno i raid della coalizione occidentale e araba a sconfiggere Daesh e la distruzione del patrimonio culturale da loro operata. A vincere sarà la concreta convivenza tra diverse razze e religioni e non l’imposizione di religioni e razze superiori come Daesh o il sionismo.

Il caos imperante in Siria e Iraq ha permesso allo “Stato Islamico” di diffondersi rapidamente nella regione, ma non durerà a lungo. Per far sì che oggi un’organizzazione funzioni ha bisogno di meccanismi moderni basati su valori moralmente accettabili e che interagiscano con la comunità internazionale. Questo è proprio ciò che manca a Daesh.

L’organizzazione estremista si è ormai trasformata in un mostro agonizzante che procede a rallentatore, prossimo a un improvviso crollo. Di certo, la sua caduta causerà ingenti danni a chi gli sta intorno. Tuttavia, anche se inevitabile, la sua caduta ci ricorderà il prezzo da pagare per il peso dell’arretratezza e della tirannia politica, che a lungo hanno dominato la regione.

Munir al-Khatib è un giornalista libanese.

Vai all’originale


Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz