Islam Religione Zoom

Cosa dice l’Islam sugli omosessuali?

Di Mustafa Akyol. The New York Times (28/07/2015). Traduzione e sintesi di Chiara Cartia.

Il 29 giugno si è svolta la dodicesima parata del Gay Pride in Turchia, nell’affollata via Istiklal di Istanbul. Centinaia di persone hanno sfilato gioiosamente sventolando bandiere con l’arcobaleno fino a quando la polizia non ha iniziato a disperderle con i cannoni ad acqua. Ancora una volta, dopo le proteste di Gezi Park del giugno 2013, le autorità hanno deciso di impedire una manifestazione di Turchi laici che non si conformano alla loro visione del cittadino ideale.

Notizie più inquietanti sono arrivate una settimana dopo, quando in giro per Ankara sono stati affissi dei manifesti che dicevano. “Bisogna uccidere colui che si dà alla pratica del popolo di Lot?” Il “Popolo di Lot” era un riferimento religioso agli omosessuali e l’istruzione di ucciderli è attribuita al Profeta. Il gruppo che ha affisso i poster , la cosiddetta Giovane Difesa Islamica, si è difesa così: “Che c’è? Siete offesi dalle parole del nostro Profeta?”

L’intolleranza ovviamente non è circoscritta ai Turchi o ai musulmani. Secondo la LGBT e l’associazione Intersex, in Turchia i gay hanno più diritti che non in alcuni paesi vicini a maggioranza cristiana quali la Russia, l’Armenia e l’Ucraina. Le leggi turche non penalizzano l’orientamento sessuale e circolano molti artisti, cantanti o fashion designer che sono delle icone LGBT, ad esempio il presentatore Zeki Muren o il cantante Bulent Ersoy che è transessuale. La loro eccentricità sembra aver accresciuto la loro popolarità.

Ma al di là dell’industria dell’intrattenimento, la visione tradizionalista islamica sui gay produce intolleranza in Turchia verso i gay e crea problemi nelle nazioni musulmane che applicano la Sharia. In Arabia Saudita, Iran, Sudan o Afghanistan, l’omosessualità è un grave reato punibile con la prigione, punizioni corporali o anche la pena di morte. I militanti di Daesh addirittura applicano l’interpretazione più estrema della Sharia buttando i gay dai tetti.

Al cuore della visione islamica sull’omosessualità c’è la storia biblica di Sodoma e Gomorra che è raccontata anche nel Corano. Secondo le scritture, il Profeta Lot aveva tacciato il suo popolo di immorale per aver “desiderato degli uomini invece di desiderare delle donne”. In risposta alla sua messa in guardia, il popolo di Lot aveva provato ad espellerlo dalla città e di violentare gli angeli che erano scesi in terra. Dio allora aveva distrutto il popolo di Lot con un disastro naturale, salvando unicamente il profeta e pochi suoi accoliti.

In media i musulmani conservatori prendono questa storia come giustificazione per stigmatizzare i gay, ma c’è una domanda importante che merita di essere presa in considerazione: il popolo di Lot ricevette il castigo divino per essere omosessuale o per aver attaccato il profeta e i suoi ospiti celestiali?

La nuance ancora più significativa è che il Corano racconta della punizione divina per Sodoma e Gomorra ma non decreta punizioni terrene per l’omosessualità- al contrario dell’Antico Testamento che decreta che gli omosessuali devono essere condannati a morte.

I pensatori islamici hanno introdotto la punizione terrena considerando l’omosessualità come una forma di adulterio ma a prescrivere una punizione per l’omosessualità sono gli hadith e non il Corano stesso.

Tutti i Musulmani che continuano a considerare l’omosessualità come un peccato, dovrebbero tenere a mente che secondo l’Islam ci sono molti peccati, inclusi l’arroganza, che vengono calcolati come gravi trasgressioni morali. Per i Turchi e per gli altri musulmani smettere di stigmatizzare gli altri per il loro comportamento e focalizzarsi sul miglioramento del proprio sarebbe un modo per tener lontana l’arroganza.

Mustafa Akyol è uno scrittore e giornalista turco.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Chiara Cartia

4 Commenti

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Le hadith sono la seconda fonte dell’Islam subito dopo il Corano e formano, unitamente a questo, la sunna. Il che vuol dire che l’Islam condanna gli omosessuali ne più ne meno della bibbia…. non cercare scuse perché non ve ne sono

    • Pretendi di sapere l’Islam più di noi? Ital-Ebete? Smettila con polemiche inutili e usa il cervello prima di scrivere cavolate che non ha nessun filo logico. Io personalmente ho studiato l’Islam e ho scoperto che è l’unica religione che condanna la guerra e corruzione che ci avete esportato voi fannullone

      • Permettimi di farti notare che ciò è stato scritto da un fratello musulmano nonché turco e la donna con cui lei se la sta prendendo è semplicemente una persona che ha tradotto l’articolo

  • questi tentativi di interpretare il Corano in chiave gay-friendly sono ammirevoli ma lasciano il tempo che trovano: le tre religioni monoteiste condannano in un modo o nell’altro l’omosessualità. L’unica strada per garantire libertà a tutti è una progressiva marginalizzazione della religione dalla vita pubblica e politica

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz