- Home > Zoom > Chi e cosa c’è dietro l’assassinio dell’ambasciatore russo ad Ankara?
Russia Turchia Zoom

Chi e cosa c’è dietro l’assassinio dell’ambasciatore russo ad Ankara?

Altıntaş killer ambasciatore russo
Fonti di sicurezza analizzano gli eventi e la figura di Altıntaş, il killer dell'ambasciatore russo ad Ankara ucciso il 19 dicembre

Di Murat Yetkin. Hurriyet Daily News (22/12/2016).Traduzione e sintesi di Emanuela Barbieri.

Si è capito subito che la notizia apparsa il 21 dicembre sul sito russo Sputnik circa la rivendicazione da parte dell’ex Fronte al-Nusra dell’assassinio dell’ambasciatore russo ad Ankara Andrey Karlov, era falsa.

Poco prima, stavo parlando a una fonte della sicurezza che diceva che il modo in cui è stata fatta la rivendicazione non si adattava al metodo di al-Nusra, il ramo siriano di Al-Qaeda. “Sostengono sempre la responsabilità sul loro sito web, Minaret ul-Beydha [Il minareto bianco, ndt], non su lettere a caso come questa” ha detto.

Secondo la fonte della sicurezza, che ha chiesto di rimanere anonima, organizzazioni terroristiche come Al-Qaeda o Daesh (ISIS) “mirano al più alto numero possibile di persone che possono uccidere, che si tratti di un attacco suicida o no. L’attentato di Berlino ne è un esempio, attaccano senza discriminazione. In questo caso, invece, l’unico obiettivo del killer era l’ambasciatore russo. Dopo aver sparato quasi tutti i proiettili nel caricatore della sua pistola, ha chiesto alla folla presente di andarsene, dicendo che ‘non aveva nessun problema con loro,’ atteggiamento atipico nel metodo dei jihadisti salafiti”.

In precedenza, un’altra fonte mi ha dichiarato che “dopo aver esaminato i video dell’assassinio e il seguito nell’edificio più e più volte” non vi era probabilmente nessun’altra persona presente alla mostra fotografica collegabile con l’assassino, Mevlüt Mert Altıntaş, 22enne agente di polizia, che agisse in qualità di istruttore e/o sorvegliante dell’attacco.

“Fino all’ultimo momento l’assassino era dietro l’ambasciatore, come qualsiasi altra guardia del corpo avrebbe fatto”, ha continuato la fonte, che ha chiesto di non essere nominata. “A un certo punto si è mosso di scatto, come se fosse stato attivato, iniziando a gridare slogan e sparando all’ambasciatore alle spalle. Dopo essersi assicurato che fosse morto, l’assassino non ha fatto alcun tentativo di fuga. Era come se avesse avuto alcune rassicurazioni dal suo mandante che nulla gli sarebbe accaduto.”

La falsa rivendicazione per conto di al-Nusra è stata in linea con l’impressione che l’assassino ha voluto dare. In un arabo stentato, ha ripetuto le frasi dell’inno di al-Nusra con il dito rivolto verso l’alto, come un jihadista tipico e ha detto che l’assassinio era una vendetta per il ruolo russo ad Aleppo. Quando? Ore prima della riunione del 20 dicembre tra la Turchia, l’Iran e la Russia a Mosca per trovare una soluzione praticabile per Aleppo e, forse, per il futuro della Siria. Se era una provocazione, come il presidente turco Tayyip Erdoğan e il presidente russo Vladimir Putin hanno detto subito dopo l’assassinio, l’obiettivo potrebbe essere più ampio della vendetta per Aleppo, forse al di là dei colloqui di Mosca, e intensifica l’ondata di terrorismo in Turchia.

La fonte della sicurezza, che ha analizzato il profilo del killer, ha detto che è cresciuto in un ambiente sociale con un numero di simpatizzanti di Fethullah Gülen, il predicatore islamista che vive negli Stati Uniti, accusato di essere la mente del tentato di colpo di stato del 15 luglio, e che avrebbe cercato di entrare in contatto con i jihadisti salafiti locali in Turchia. Secondo una testimonianza, egli avrebbe voluto andare a combattere in Siria, ma gli è stato negato e ha chiesto di rimanere nelle forze di polizia per un uso migliore. Tuttavia, non è stato possibile stabilire una connessione reale tra lui ei jihadisti, probabilmente perché i jihadisti non si fidavano di lui, credendolo forse un agente di polizia o dei gülenisti.

Le unità di sicurezza turche pensano che al “95 per cento” Altıntaş sia stato reclutato dai gülenisti in passato per lavorare nelle forze di polizia e che a un certo punto gli sia stato chiesto di far finta di appartenere a un gruppo islamico diverso, in modo da non esporre se stesso come un gülenista perché la pulizia dei seguaci di Gülen dall’apparato statale era già iniziata nel primi mesi del 2014.

Le unità di sicurezza stanno lavorando anche sulla probabilità che l’assassino potrebbe essere stato messo a tacere da un membro delle forze della squadra speciale entrato nella sala espositiva dopo l’omicidio. “Il killer che si aspettava che sarebbe stato salvato, forse da un falso scenario di fuga dopo la cattura, potrebbe essere stato ucciso da un altro membro della stessa organizzazione segreta nella squadra di forza speciale.”

L’immagine, a partire da oggi, assomiglia ad una bambola Matrushka russa, con scenari all’interno di altri scenari.

Come la loro controparte russa, i funzionari turchi hanno aggiunto che è troppo presto per fare una valutazione esatta di che cosa e chi era dietro l’assassinio di Karlov. Dopo tutto, il lavoro congiunto delle unità di sicurezza turche e russe è appena iniziato. Ma c’è il commento del ministro degli Esteri turco Mevlüt Çavuşoğlu al Segretario di Stato americano John Kerry al telefono – che si lamentava che gli Stati Uniti non dovrebbero essere accusati perché Gülen viveva lì – che entrambi i turchi e i russi ritengono che la probabilità che la rete Gülen sia dietro l’omicidio è elevata.

Murat Yetkin è un giornalista e opinionista turco.

Vai all’originale.

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz