Hezbollah Iran Libano USA Zoom

Bitcoin: come l’Iran aggira le sanzioni Usa

La Repubblica islamica dell’Iran è una potenza regionale con una politica estera ambiziosa e aggressiva, che cerca, forse, di ottenere una restaurazione Achemenide. Affrontando un ordine mondiale americano, sia nella politica che nell’economia, la Repubblica islamica ha preso il gioco della guerra per procura e della sovversione democratica utilizzando gruppi come Hezbollah. Il finanziamento di queste operazioni è a dir poco costoso, costringendo la Repubblica islamica e gli affiliati a ricorrere ad alternative al di fuori dell’architettura monetaria globale americana. Di queste alternative, Bitcoin rimane l’opzione più convincente, uno strumento efficace che consentirebbe all’Iran di aggirare le sanzioni statunitensi. Il caso studio iraniano assume una prospettiva profetica se si considera l’avvicinarsi del mondo multipolare, un mondo parzialmente abilitato e sostenuto da Bitcoin. Politicamente, economicamente, Bitcoin eliminerà l’uso efficace delle sanzioni su scala mondiale, rendendole obsolete e continuerà ad aumentare di valore con l’aumentare della competizione egemonica tra le politiche. Bitcoin, come si suol dire, sta andando “sulla luna”

di Antoine Kenaan, Lebanon Law Review, (15/02/2021)

Antoine Kenaan, Capo Redattore di Lebanon Law Review (Libano)

“Vorrei esprimere gratitudine al Dr. Fadi Assaf e ringraziarlo per il suo prezioso contributo nella stesura di questo articolo. Vorrei anche ringraziare il signor Jack Kamo per la sua intuizione economica”.

Introduzione

L’ordine mondiale unipolare si sta sfilacciando. L’egemonia monetaria degli Stati Uniti è stata istituzionalizzata nel sistema di Bretton Woods, in cui tutte le valute emesse dallo stato erano ancorate al dollaro USA che, a sua volta, era ancorato a $ 35 / oz. d’oro. Oggi, la Cina minaccia di detronizzare gli Stati Uniti come il principale stato capitalista del mondo (il che è ironico dato che è governato dal PCC). L’ascesa cinese causa attrito (cioè un’inefficienza o una perdita di energia) nel sistema mondiale.

Sebbene il sistema di Bretton Woods non sia più in vigore, la sua influenza è ancora sentita. Questa forza asimmetrica del colosso americano gli ha permesso di imporre sanzioni piuttosto mortali a rivali e avversari. Le sanzioni americane possono davvero significare la morte di un’economia in erba perché semplicemente non c’è alternativa. È quindi davvero straordinario che la Repubblica islamica dell’Iran, una nazione che sin dal suo inizio è stata in disaccordo ideologico, economico e politico con gli Stati Uniti, sia riuscita a durare (e anzi prosperare) così a lungo.

Le prime sanzioni economiche furono applicate dal presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter nel 1979, ma la Repubblica islamica è ancora in piedi e non ha subito un cambio di regime. La Repubblica islamica non solo si è opposta alla potenza di Saddam Hussein, ma è anche riuscita a espandersi all’estero al posto di una politica estera aggressiva. Hezbollah in Libano, gli Houthi dello Yemen e il vassallaggio dell’Iraq; sono tutti sforzi costosi anche per le nazioni prospere. L’Iran, una nazione assediata, sta perseguendo con successo questi interessi – quindi come fa l’Iran ad aggirare le sanzioni statunitensi?

Questa è una domanda difficile a cui rispondere, principalmente a causa della natura in corso (in realtà crescente) del conflitto, ma anche perché entrambe le parti apprezzano la segretezza. Sarà impossibile ottenere prove dure e fredde che possano essere presentate in un tribunale. Indipendentemente da ciò, è possibile stabilire alcune cose. La Repubblica Islamica e i suoi delegati, siano essi Hezbollah o Houthi, sono attori statali estremamente intelligenti. Pertanto, ci si può fidare di loro per sfruttare e utilizzare qualsiasi attrito nel sistema mondiale per facilitare il loro giogo. Ergo, non è più necessario raccogliere prove che metterebbero la questione a riposo oltre un ragionevole dubbio, ma solo presentare prove sufficienti per creare dubbio stesso. Se io, l’autore relativamente non influenzato, riesco a escogitare un modo per consentire all’Iran di aggirare efficacemente le sanzioni statunitensi, allora è davvero certo che l’Iran (che ha un interesse acquisito) lo sta già facendo da tempo e ha acquisito competenza in materia.

La prova è nel concetto fondamentale, non nei fatti. I paesi perseguiranno il loro interesse personale, e se il proprio interesse personale può essere determinato matematicamente, allora non c’è bisogno di una prova concreta poiché ci si può fidare di questi stati razionali per perseguire il loro interesse nella misura massima (e per trovare soluzioni molto prima che lo facciano gli estranei, in virtù dell’essere “al corrente”). Pertanto la mancanza di prove decisive non è più una questione di “esistono queste prove?” piuttosto, “Quando verranno inevitabilmente alla luce queste prove?”

La domanda su come esattamente l’Iran aggiri le sanzioni statunitensi è una domanda importante a cui rispondere per molte ragioni: in primo luogo, la portata internazionale delle operazioni iraniane (leggi: Hezbollah) richiede un certo grado di cambio di valuta. Usare il dollaro USA per fare ciò sarebbe problematico, come verrà spiegato di seguito. In secondo luogo, la Repubblica islamica dell’Iran offre a Hezbollah (e altri delegati) aiuti monetari diretti, spesso in dollari USA, quando la stessa Repubblica islamica è a corto di liquidità. Sebbene ciò abbia causato una carenza di aiuti e l’ingresso nel traffico di droga globale nel tentativo di autofinanziarsi, i finanziamenti esterni non hanno ancora raggiunto lo zero. In che modo un’entità sottoposta a sanzione fornisce continuamente ai propri delegati nuovi dollari USA?

C’è motivo di credere che la Repubblica Islamica utilizzi Bitcoin, le cui proprietà come la fungibilità, la sicurezza e il decentramento offrono una modalità facile per il trasferimento internazionale di fondi al di fuori dell’architettura monetaria americana, aggirando così sia il dollaro USA che le sue sanzioni.

Il sistema monetario internazionale

In primo luogo, è importante che il lettore comprenda alcuni concetti fondamentali sul sistema monetario globale per cogliere veramente le sfide affrontate dalla Repubblica islamica. Se questo è già familiare, sarebbe utile fare clic sul collegamento. In primo luogo, è importante notare che i termini denaro e valuta non sono intercambiabili, infatti le valute odierne non sono intrinsecamente di natura monetaria ma sono state assegnate a tale funzione d’ufficio. Mike Maloney spiega il sistema al meglio nel video altamente informativo qui sotto.

Investopedia definisce il denaro come “un’unità economica che funziona come un mezzo di scambio generalmente riconosciuto per scopi transazionali in un’economia. Il denaro fornisce il servizio di riduzione dei costi di transazione, ovvero la doppia coincidenza dei desideri. Il denaro nasce sotto forma di merce, avente una proprietà fisica che deve essere adottata dai partecipanti al mercato come mezzo di scambio. Il denaro può essere: moneta a corso legale o fiat determinata dal mercato, emessa ufficialmente, sostituti del denaro e mezzi fiduciari e criptovalute elettroniche, “

In breve, è una riserva di valore. Tale valore è quindi soggetto a molti fattori per determinare esattamente quanto valore è assegnato al denaro. L’oro, ad esempio, è molto più prezioso dell’argento. Principalmente ciò è dovuto all’offerta e alla domanda, maggiore è la domanda rispetto all’offerta, più prezioso è un denaro.

La valuta, d’altra parte, è semplicemente un mezzo di scambio. Cioè, la valuta è un simbolo, senza valore intrinseco. La valuta è un mezzo di scambio progettato per facilitare il flusso di denaro e renderlo più portabile, più facile da usare. La valuta è un termine indipendente dal “denaro”; una valuta può essere sostenuta dal denaro, e altrettanto facilmente non deve essere così. Tradizionalmente, l’oro è stata la moneta universale, accettata a livello di specie come riserva di valore e poi trasformata in valuta sotto forma di monete d’oro coniate, solitamente emesse dal governo centrale. La valuta è fungibile, portatile, durevole, riconoscibile e stabile.

Entra nel sistema Bretton-Woods. Sulla scia della seconda guerra mondiale e della recente comparsa di banche centrali in tutto il mondo, le nazioni del mondo hanno scelto di inaugurare un nuovo sistema finanziario centralizzato. Le riserve auree mondiali verrebbero trasportate negli Stati Uniti (tra l’altro), le valute mondiali sarebbero quindi ancorate al dollaro USA, che a sua volta era sostenuto dalle riserve auree. Le rispettive banche centrali sarebbero ritenute responsabili di mantenere la relativa scarsità delle loro valute rispetto al dollaro USA, e la Federal Reserve degli Stati Uniti sarebbe incaricata di mantenere il valore del dollaro a $ 35 / oz. d’oro.1

Pertanto, le valute del mondo sono diventate rappresentative del dollaro, che era esso stesso una valuta per l’oro (il denaro reale). Questo sistema ha funzionato meravigliosamente e per tutto il periodo in cui è stato implementato non ci sono stati crolli economici nel mondo, men che meno catastrofi della portata della grande depressione. Quell’era è finita da tempo: il presidente degli Stati Uniti Nixon ha disaccoppiato il dollaro USA nel 1972 e da allora il mondo è entrato nell’era del denaro fiat. Inoltre, l’oro è salito da $ 35 / oz. a circa $ 1900 / oz. al momento della scrittura – un aumento di 54 volte nell’ultimo mezzo secolo.

Cos’è il denaro fiat? È il dollaro USA, l’euro, la sterlina, il rial iraniano e persino la lira libanese. Come suggerisce il nome, è completamente inventato. La moneta fiat, o più precisamente la valuta fiat, è essenzialmente un simbolo dell’abilità economica dello Stato emittente. In sostanza, coloro che utilizzano la valuta fiat si fidano dello stato per ripagare i loro debiti, da qui l’utilità. Il dollaro USA, ad esempio, recita “questa nota ha corso legale per tutti i debiti pubblici e privati”, il che significa che è essenzialmente una promessa che il governo degli Stati Uniti ti rimborserà e coprirà il credito. L’oro, d’altra parte, è senza fiducia: l’oro è oro e ha un valore intrinseco. Non solo l’utente si fida del governo per ripagare il debito, ma confida anche che il governo non svaluti la nota in questione stampandola arbitrariamente (disturbando così l’equilibrio tra domanda e offerta). Il che, a proposito, accade sempre.

Attualmente, cinque valute emesse dallo stato costituiscono le valute di riserva del mondo. Questi sono il dollaro USA, la sterlina britannica, l’euro dell’UE, lo yen giapponese e lo yuan cinese. Di questi, il dollaro USA è ancora la valuta mondiale predominante, rappresentando circa il 61% della riserva di valuta estera internazionale. L’economia statunitense è a detta di tutti ancora l’economia numero uno al mondo, un fatto rafforzato dal prestigio globale che il dollaro USA porta con sé. In effetti, nell’odierno sistema economico basato sul credito, il potere economico effettivo può costituire solo il 20% della ricchezza o del valore di un’entità – l’altro 80% è la fiducia. Pertanto, una delle ragioni principali per cui gli Stati Uniti rimangono l’economia mondiale dominante è la predominanza del dollaro USA; viceversa, il motivo per cui il dollaro USA è la valuta di riserva estera numero uno al mondo è perché i popoli della terra credono nell’egemonia economica perpetua degli Stati Uniti. I pilastri che sostengono questo tempio della divinità americana sono la sua politica asburgica, i suoi temibili militari (più significativamente, la US Navy) e la sua gigantesca economia. Tutti questi si supportano e si rafforzano l’un l’altro in un loop di feedback positivo. Realisticamente, gli Stati Uniti sono di gran lunga al di sopra di qualsiasi altra grande potenza al momento, il che gli consente di imporre sanzioni grandi e prepotenti ai suoi rivali politici nel tentativo di garantire il proprio interesse politico. Iran, Corea del Nord e Venezuela sono alcuni dei destinatari più memorabili delle sanzioni statunitensi. Anche la Cina è stata oggetto di queste sanzioni, causalmente per l’integrazione di Hong Kong da parte del PCC, ma in realtà nel tentativo di frenarne l’ascesa al vertice. La Cina al momento è l’unico stato al mondo che è in grado di rappresentare una seria minaccia per l’egemonia degli Stati Uniti, ed è inevitabile che assistiamo a una guerra tra i due nella prossima generazione o due, dal momento che il lungo gioco della geopolitica e della demografia matura fino a realizzarsi, Anglosphere v. Sinosphere. Nel qui e ora, mentre aspettiamo il sollevamento degli eserciti di domani, ci aspettiamo che l’attrito nel sistema mondiale aumenti mentre la nostra realtà unipolare diventa lentamente una battle royale multipolare. Le guerre puniche verranno di nuovo.

In attesa della prossima pace cartaginese, ci si può aspettare che le sanzioni economiche bilaterali aumentino di frequenza. Gli Stati Uniti continueranno a sanzionare la Cina (et. al) e i cinesi continueranno a sanzionare gli americani. Per capire come funzionano le sanzioni, è imperativo comprendere alcuni aspetti chiave.

In primo luogo, il 92% della valuta mondiale è digitale; esiste solo come codice software. Questo non è solo un riferimento alle criptovalute, ma anche al dollaro USA e ad altre valute di riserva estera. [2] Ovviamente questo non presenta problemi; abbiamo già stabilito che le valute non sono davvero denaro, un cambio di mezzo dal contante cartaceo al digitale è solo un aggiornamento tecnologico per stare al passo con i tempi, e non un cambiamento drastico alla natura fondamentale della sostanza. Quindi, è altrettanto importante capire come viene trasferita quella valuta. Consideriamo la persona A (con un conto nella banca A) che tenta di trasferire $ 100 USD alla persona B (con un conto nella banca B). La persona A trasferisce il denaro sul conto bancario della persona B, tuttavia dovrebbe prima essere reindirizzato tramite una delle principali banche americane a New York City, come JP Morgan & Chase, prima di essere poi trasferito sul conto bancario della persona B. Naturalmente, le banche A e B hanno le loro commissioni per condurre un’operazione del genere, e così anche la banca di New York in questione. FATCA è anche uno strumento molto potente nelle mani degli Stati Uniti, che garantisce una conformità globale completa. Questo è uno strumento potente che consente al Tesoro degli Stati Uniti di tenere traccia di tutti i dollari in circolazione e di sanzionare efficacemente chi vuole. Quindi la provocazione sottostante diventa molto, molto interessante.


“Non ho un centesimo di beni all’estero. Non è vano imporre “sanzioni”? Naturalmente, posso anche inviare 100 dollari USA al signor Trump per il congelamento “

Il capo dell’ufficio di collegamento della Cina a Hong Kong, Luo Huining.

Come è plausibile una simile affermazione? Sebbene sia dubbio che il signor Huining si riferisse alle criptovalute, un’operazione del genere è del tutto fattibile tramite Bitcoin.

Bitcoin

È importante capire che nel regno delle criptovalute, Bitcoin non è come qualsiasi altra criptovaluta. Altrettanto importante da capire è che la criptovaluta rappresenta un balzo in avanti tecnologico nel mezzo e non cambia radicalmente il modo in cui funziona l’economia monetaria. Ai fini di questo studio, ci sono due tipi di criptovalute; Bitcoin e altcoin. Quando si tracciano paralleli, Bitcoin è oro, mentre le altcoin sono solo un’altra forma di valuta come i dollari, le lire e i dirham del mondo. Riconosciamo che non è necessario comprendere veramente uno strumento per usarlo. Allo stesso modo, questo documento non mira a spiegare i fondamenti di Bitcoin, che è un compito davvero gigantesco. Bitcoin incorpora fondamentalmente molte discipline denigratorie in un unico “strumento”, tra cui matematica, termodinamica, teoria dei giochi e, naturalmente, economia. Tuttavia, Bitcoin possiede alcune qualità notevoli che sono degne di nota e rilevanti per l’obiettivo di questo documento.

Fonte sconosciuta

Scarsità finita

“Il denaro non cresce sugli alberi”, tranne per il fatto che a volte lo fa.3

Fiat è facilmente il mezzo meno solido dal punto di vista finanziario noto all’umanità, l’equilibrio tra domanda e offerta è libero da entrambe le estremità poiché entrambe sono in costante flusso. Inoltre, poiché sono le banche centrali a controllare l’offerta, esse detengono effettivamente il potere d’acquisto di ogni persona con beni in ostaggio legale, con grande sgomento delle vittime della crisi bancaria libanese. Il mercato è governato dalla dinamica domanda-offerta, e i governi non perdono mai, non falliscono mai.

Si dice comunemente che l’oro sia un elemento raro. Questo è solo parzialmente vero; l’oro è relativamente raro e relativamente scarso. La verità è che c’è sempre più oro là fuori, sia all’interno della terra stessa che senza di esso tra le stelle.

Il bitcoin, a differenza di ogni altro mezzo, è finitamente raro. Ci saranno solo 21 milioni di Bitcoin disponibili, la natura decentralizzata della rete e il suo open source lo impongono. Al contrario, la domanda di Bitcoin sta aumentando costantemente nel tempo, basta guardare al suo aumento di prezzo nell’ultimo decennio. Nel 2011, Bitcoin valeva solo $ 2 USD e nel 2021 ora vale più di $ 40.000 USD, indicando un ritorno di 20.000x. Questo può sembrare sorprendente, ma esaminiamo il rapporto domanda / offerta (DSR) di Bitcoin. Il limite del DSR quando la domanda si avvicina all’infinito è l’infinito stesso, poiché l’offerta è un numero finito predeterminato. Pertanto, il prezzo teorico di Bitcoin nel suo finale di partita è, a tutti gli effetti, infinito stesso se il sistema dovesse reggere.

È importante notare che il numero di Bitcoin è aumentato una volta, ma il meccanismo per farlo è “democratico” e determinato dal mercato decentralizzato. Al momento in cui scrivo, ci sono solo 18,5 milioni di Bitcoin in circolazione, il resto in fase di “mining”; un processo che dovrebbe concludersi intorno al 2140.

Decentralizzato

A differenza di Fiat, che è controllato dalle banche centrali, Bitcoin non è emesso da nessuna singola entità. È un codice open source regolato peer-to-peer tramite rete, il che significa che il mercato ha il controllo effettivo di Bitcoin. Nemmeno l’oro è decentralizzato come Bitcoin.

Portabilità, sicurezza e fungibilità

Un miliardo di dollari di oro pesa circa 25.000 chilogrammi, in contanti peserebbe circa dieci tonnellate. Ci sono aspetti logistici coinvolti nel trasferimento di grandi quantità di denaro, ci sono alcune considerazioni da fare anche per immagazzinarli. Questo è il motivo principale per cui le banche sono utili per cominciare; assicurare e trasferire denaro.

Bitcoin risolve tutto questo e rende davvero obsolete le banche. Trasferire 3000 satoshi è facile come trasferire 10 milioni di Bitcoin, è tutto codice per computer senza peso. Tuttavia, a causa del sistema unico di portafogli in uso, è quasi impossibile rubare veramente qualsiasi Bitcoin. Tutti i furti di Bitcoin che si sono verificati finora sono stati dovuti a social hacking e non c’è stata nessuna responsabilità sulla rete o sul software. Cioè, le persone e le istituzioni sono incuranti delle loro chiavi; Lo stesso Bitcoin rimane senza compromessi.

La leggenda dice che i Cavalieri Templari iniziarono le prime banche moderne, nel tentativo di facilitare il trasporto sicuro di denaro attraverso la cristianità, da Frankia a Tiro. Bitcoin fa lo stesso: si assicura che tutti abbiano una banca personale, in sostanza. Finché il proprietario del portafoglio detiene le chiavi di quel portafoglio, il denaro è al sicuro e può essere raggiunto immediatamente da qualsiasi parte del mondo (o su Marte) con una connessione Internet. Bitcoin diventerà davvero praticabile come forma di moneta interplanetaria fintanto che le reti saranno sincronizzate (la distanza diventa un problema di telecomunicazioni).

Inoltre, Bitcoin è fungibile. Si può facilmente scambiare Bitcoin con qualsiasi tipo di bene o servizio immaginabile. Ciò aumenterà solo con il tempo, poiché sempre più utenti e istituzioni acquisteranno la rete.

Anonimato

L’attività bancaria è un’impresa rischiosa. Quando si usa il sistema bancario, si espone se stesso e i propri fondi alla sorveglianza e all’arresto governativi e non governativi. Esempi importanti includono FATCA, una legge che consente al governo degli Stati Uniti di tassare tra l’altro tutti i cittadini statunitensi accedendo ai loro conti bancari ovunque si trovino, anche al di fuori degli Stati Uniti. Inoltre, per aprire un conto in banca, bisogna rinunciare ai propri dati personali, rendendoli facilmente identificabili. L’uso di servizi bancari elettronici come carte di credito o di debito rende ulteriormente tracciabile l’utente.

Bitcoin è completamente anonimo. Mentre i portafogli e i nodi, così come il saldo di ciascuno, sono pubblicamente accessibili a chiunque sulla rete, l’identità del proprietario del portafoglio non viene mai memorizzata nella rete. Anche i portafogli sono facili da realizzare, sono solo indirizzi elettronici sulla rete, il che significa che si può distribuire la propria ricchezza attraverso portafogli potenzialmente infiniti in modo da rimanere sotto il radar. Bitcoin è peer-to-peer, il che significa che alla fine non è rintracciabile se le parti prendono le loro precauzioni per farlo.

La Repubblica Islamica dell’Iran

La giustizia è una questione precisa e richiede che la verità sia conosciuta oltre ogni ragionevole dubbio in materia penale. Impossibile nel nostro caso, non ci sono prove dirette (cioè di dominio pubblico) che dimostrino che la Repubblica Islamica dell’Iran utilizza Bitcoin per finanziare le sue attività, soprattutto quella dei suoi delegati internazionali come Hezbollah. Fortunatamente, quando si esamina il caso secondo uno standard legale diverso, vale a dire l’equilibrio delle probabilità, diventa facile andare avanti. Ciò è utile perché la Repubblica islamica è autoritaria e misteriosa e impegna gli Stati Uniti in una lotta internazionale. L’informazione di prima mano sarà perlomeno difficile e al massimo pericolosa da ottenere, soprattutto considerando le tensioni e l’intellighenzia coinvolte. Consideriamo quindi quanto segue:

  1. La Repubblica Islamica è un attore di stato intelligente e tenace, capace di definire e perseguire con competenza i propri interessi
  2. La Repubblica Islamica mantiene un interesse infinito a sostenere i suoi precedenti investimenti stranieri (cioè Hezbollah, Houthi) a tempo indeterminato, con qualsiasi mezzo necessario
  3. Ci si può fidare della Repubblica Islamica, una volta affrontate le difficoltà, per adottare soluzioni e strategie che mitighino queste difficoltà.

La Repubblica islamica dell’Iran non deve essere sottovalutata, i suoi fondamenti sono migliori di quelli della maggior parte delle altre nazioni. In primo luogo, i popoli iraniani da Elam hanno avuto una sorta di unità politica, culminata nell’imperialismo achemenide. L’Iran è davvero uno degli stati nazionali più antichi del mondo, un gruppo di popoli con una storia, una lingua e una cultura condivise. Geopoliticamente benedetto, il “cuore” iraniano è sicuro e lontano da altri centri abitati asiatici a est, e tuttavia domina i popoli a ovest grazie alla delineazione linguistica e ai confini naturali. Il suolo iraniano è ricco e il mare porta i suoi frutti. Dove altre nazioni traboccano di latte e miele, l’Iran trabocca di varie risorse naturali, siano esse energetiche, metalliche o minerali. Il Mar Caspio e il Golfo Persico sono entrambi della massima importanza per l’Iran e lo Stretto di Hormuz gli conferisce un’ influenza diplomatica. Ancora più importante, l’Iran è posseduto dall’ideologia.

La Repubblica Islamica rappresenta un insieme di valori, ideali e principi che mira a esportare. Naturalmente, questo non è altro che un guanto di velluto che copre il guanto di ferro dell’imperialismo, eppure il guanto rimane decorato. Il fatto che questo dogma sia di natura religiosa serve solo a cementare la sua posizione a lungo termine nella psiche collettiva. La Repubblica islamica è riuscita a ribaltare l’assalto di Saddam Hussein appena un anno dopo il suo inizio, e da allora ha solo intensificato il suo conflitto con gli Stati Uniti. Una generazione (e più sanzioni dopo), la Repubblica Islamica è ancora qui; dov’è Saddam Hussein? La Repubblica Islamica infatti non ha ceduto alle pressioni, anzi si è espansa. Probabilmente l’unico effetto delle sanzioni statunitensi è stato quello di rallentare la sua espansione e consolidamento piuttosto che fermarlo, e sebbene questo non sia senza precedenti, è certamente notevole che una nazione si opponga così tanto all’egemone atlantideo.

La politica estera iraniana è distillata dal suo carattere nazionale, non diversamente dai loro tappeti persiani. Pazienza e perseveranza sono gli ingredienti principali, con solo un pizzico di fede. La Repubblica Islamica non è vincolata dallo spazio e dal tempo, non è un’entità iraniana. Piuttosto, è un’entità islamica che ha messo radici in Iran: non ci sono veri vincoli geografici, è un impero di nazioni islamizzate. Tutti gli impegni esteri devono essere trattati in questa luce, non ultimi gli investimenti a lungo termine in Libano, Yemen e Iraq. Il suo investimento più significativo è stato di gran lunga Hezbollah, e strategicamente è quello con le migliori prospettive.4 Sebbene Khamenei possa essere un ideologo, i soldi parlano. La realtà è che l’economia iraniana sta finalmente soffrendo. L’Iran ha dovuto tagliare parte dei finanziamenti di Hezbollah, costringendo il gruppo a rivolgersi ad altri mezzi per perseguire l’auto-sostenibilità.

Facendo pieno uso del carattere internazionale della diaspora libanese, Hezbollah si diletta ora nel traffico di droga internazionale, con l’America Latina e l’Africa occidentale che sono i punti focali di questa operazione internazionale. Marijuana, Captagon e Opium sono solo alcune delle droghe trasportate dal gruppo. Hezbollah nega di impegnarsi in questo commercio, principalmente perché è certamente contrario ai valori sostenuti, ma sembra che le prove siano schiaccianti. In effetti, esistono prove a sostegno dell’affermazione che l’Iran incoraggia questo traffico di droga nel tentativo di rafforzare la sua liquidità in valuta estera, come riportato da Al Arabiya. Questo carattere internazionale delle attività antidroga di Hezbollah ha contribuito a riunire l’Iran e il Venezuela di Maduro, in quello che alcuni chiamano il nesso Maduro-Hezbollah. Ciò ha facilitato la famigerata vendita di lingotti d’oro tra i due stati pesantemente sanzionati, Iran e Venezuela.

Fonte The Atlantic Council

Ci sono un certo numero di cellule dormienti e agenti di Hezbollah che operano in gran parte dell’Europa, da Parigi a Mosca, e anche molti negli Stati Uniti. Naturalmente, le operazioni di Hezbollah includono anche il dispiegamento militare in tutto il Medio Oriente. Questa rete globale dipende da un flusso di cassa costante per mantenere le sue operazioni; tranne per il fatto che Hezbollah non ha solo mantenuto le sue operazioni, ma è probabilmente riuscito a espanderle negli ultimi anni. L’Iran non può tagliare Hezbollah, non dopo aver investito su di loro dal 1982, non dopo il suo successo furioso; L’Iran mantiene un interesse a sostenere Hezbollah, con qualsiasi mezzo necessario. In effetti, un’ipotesi plausibile garantirebbe che l’Iran probabilmente taglierà tutti gli altri delegati e rinuncerà a tutti gli altri guadagni prima di abbandonare Hezbollah.

Allora come fa un gruppo sanzionato come Hezbollah (appartenente a un Iran ugualmente sanzionato) a espandere e mantenere il suo flusso di cassa di fronte all’opposizione degli Stati Uniti? Operano al di fuori del sistema, Bitcoin è la soluzione ovvia.

Bitcoin risolve tutti i problemi monetari affrontati da qualsiasi entità sotto sanzioni da qualsiasi altra entità, ma soprattutto risolve tutti i problemi dell’Iran nell’affrontare le crescenti sanzioni statunitensi. Le proprietà uniche di Bitcoin offrono all’Iran e ai suoi delegati e partner internazionali un aggiramento delle sanzioni statunitensi. Il bitcoin è una forma di denaro ampiamente accettata e affidabile, è altamente fungibile e può essere scambiato in qualsiasi valuta di riserva mondiale piuttosto facilmente, vale a dire il dollaro USA. Laddove molte istituzioni sarebbero riluttanti a fare affari nell’IRR o nel VES, pochi si opporrebbero a Bitcoin, ancor meno al dollaro USA. Bitcoin è una risorsa sicura e apprezzabile; il suo DSR inevitabilmente crescente significa che è una grande copertura contro il rapido deprezzamento del Rial iraniano.

Bitcoin è decentralizzato e non può essere manipolato in alcun modo diretto dal Tesoro degli Stati Uniti e dalle sue affiliate. Bitcoin non riconosce i termini “sanzione”, “regolamentazione”.

Bitcoin è anche, e questo è importante, anonimo. Ciò significa che anche le persone sanzionate possono effettuare transazioni tramite Bitcoin perché non esiste alcun collegamento tra il portafoglio e il proprietario del portafoglio. Inoltre, inviare grandi quantità di denaro attraverso la rete Bitcoin è incredibilmente facile, quasi istantaneo e peer to peer. Poiché una persona può possedere più portafogli, la quantità reale di Bitcoin posseduta e gestita dall’Iran può essere mascherata in modo da evitare sospetti. Significa che se l’Iran desidera inviare 30.000 dollari a un operativo a Monaco, può farlo in più transazioni da più portafogli, mascherando così le sue operazioni. Questo è importante perché mentre la proprietà dei portafogli Bitcoin è anonima, la tecnologia blockchain registra tutte le transazioni e le partecipazioni di tutti i portafogli sulla rete, il che significa che le transazioni di grandi dimensioni potrebbero attirare l’attenzione. Questo di per sé potrebbe sostenere gli agenti dell’Iran nel mondo occidentale. Mentre il dollaro USA dovrebbe passare attraverso tre banche prima di raggiungere finalmente la sua destinazione, Bitcoin è peer-to-peer, simile a una consegna in contanti. Anche una piccola quantità di Bitcoin sarebbe stata sufficiente all’Iran e ai suoi agenti per avviare le operazioni, in gran parte grazie all’attuale corsa al rialzo delle criptovalute. L’elevata volatilità a breve termine di Crypto unita alla sua inevitabilità a lungo termine offre all’Iran una grande opportunità: impegnarsi in attività di Cryex (scambio di criptovaluta). L’estrazione di bitcoin rimane di gran lunga l’attività più redditizia per le autorità iraniane. L’estrazione avviene quando un minatore sblocca un nuovo blocco Bitcoin risolvendo una serie di complesse equazioni matematiche, questo Bitcoin sbloccato diventa quindi disponibile sul mercato e può essere scambiato. Sebbene sia improbabile che tutte le scappatelle straniere dell’Iran avvengano attraverso Bitcoin, ha innegabilmente il potenziale per sostenere quote significative delle sue operazioni in questo modo. Quando è sotto assedio, anche la pelle secca diventa nutriente.

Il guanto calza, c’è una ragione da assolvere? Bitcoin ha già assistito a un tasso di adozione notevolmente elevato tra il pubblico iraniano, fungendo da riserva di valore efficace contro il deprezzamento del Riyal iraniano. L’estrazione di bitcoin si sta dimostrando molto redditizia per il settore privato iraniano, poiché il costo principale è di solito nelle tariffe dell’elettricità (sovvenzionate). Ciò ha causato un blackout di massa in Iran poiché il governo stesso ha represso questi sforzi privati ​​illeciti (l’estrazione è regolamentata in Iran). In effetti, uno studio condotto su 1.650 iraniani ha rivelato che guadagnano fino a $ 3.000 USD al mese in attività di criptovaluta. In un paese con una moneta nazionale praticamente priva di valore, ciò costituisce una vita più che adeguata. Questo non vuol dire che lo stato iraniano stesso non sia coinvolto in attività di criptovaluta.

Foreign Policy riporta che l’Iran ha una strategia Bitcoin in atto per battere le politiche di massima pressione di Trump. La Svezia ha accettato di investire nel mercato azionario iraniano con Bitcoin e la Russia ha investito nell’infrastruttura tecnologica blockchain dell’Iran. L’UE ha fondato Instex, un canale transazionale tra loro e l’Iran.

“L’Iran ha chiaramente capito che le criptovalute sono tra i modi per sfidare e sovvertire l’architettura finanziaria dominata dagli Stati Uniti“.

Foreign Policy

Bitcoin ha visto un tasso di adozione così imponente in Iran che è persino entrato in legislazione. Ora è legale importare merci in Iran utilizzando Bitcoin e l’estrazione di Bitcoin utilizzando energia sovvenzionata è strettamente regolata dal Ministero dell’Energia iraniano. [7] Secondo il New York Times, Iran e Venezuela stanno tentando di lanciare le proprie criptovalute. [8] Sembra un pensiero ingenuo e sciocco che avrebbero intrapreso un’impresa del genere senza esperienza e sperimentazione di prima mano con il mondo preesistente delle criptovalute, ovvero Bitcoin.

Hezbollah ha in particolare un interesse acquisito in Bitcoin, anche se potrebbero non rendersene conto. Il riciclaggio di denaro e il traffico internazionale di droga vanno di pari passo, e Bitcoin sarebbe la modalità di transazione più sicura e più privata per grandi somme di denaro illecito tipico del modus operandi di Hezbollah. In effetti, ci sono già collegamenti tra Hezbollah e Bitcoin; nell’estate del 2020 il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha estradato da Cipro due uomini: un ladro di Bitcoin e un agente della narcotici di Hezbollah. [9] Hezbollah può scambiare i suoi narcotici con Bitcoin, che possono quindi essere distribuiti istantaneamente attraverso la sua rete mondiale e poi trasformati in USD. Questo dollaro USA può quindi essere inviato ai suoi agenti in Libano (che non sono interamente sanzionati). Ciò servirebbe meglio alle loro esigenze di segretezza poiché un volume di scambi anormalmente grande di Bitcoin in Libano sarebbe sospetto (le opzioni disponibili sono una miriade in ogni caso). In tal modo Bitcoin può assisterli non solo nel loro traffico di droga, ma anche nel riciclaggio di denaro, pur mantenendo una bilancia commerciale positiva.

Questo non vuol dire che ci siano altri indicatori più sottili di Iran e Hezbollah che utilizzano Bitcoin. L’elettricità è relativamente economica in Libano e in Libano esiste una formidabile comunità di Bitcoin. Inoltre, voci (enfasi su quella parola, voci) hanno sottolineato che la maggior parte del Bitcoin in Libano ha origine nei sobborghi controllati da Hezbollah. Non ci sono prove per questo, solo un’indicazione; la natura di Bitcoin in ogni caso rende impossibile raccogliere tale prova. È stato riferito che per ora Hezbollah si tiene alla larga da tutte le criptovalute a causa della superiorità tecnologica israeliana, ma questa è una pretesa difficile da credere di fronte a prove superiori ed è molto più probabile che in realtà sia uno stratagemma o una finta.

Conclusione

La Terra ha tre poli; Nord, sud e Washington DC. L’ascesa della Cina minaccia di devolvere in molteplicità l’ordine mondiale unipolare, le lotte saranno spinte. L’attrito ai margini renderà il Bitcoin politicamente indispensabile in futuro, sia per le nazioni che per le entità private. Bitcoin non è più un espediente, non è più una teoria, è entrato nel campo della statuaria applicabile e utile come garante di un mondo multipolare perpetuo. Bitcoin garantisce un’architettura monetaria globale parallela, un fondamento contro l’egemonia politica temporale. Maggiore è la concorrenza tra le politiche, più importante diventa il Bitcoin. Se l’Iran e Hezbollah non stanno ancora utilizzando Bitcoin per aggirare gli Stati Uniti, è consigliabile che inizino a farlo. Altri seguiranno l’esempio?

Vai all’originale


  1. Ciò viene fatto attraverso un ciclo di iniezione e stampa delle valute, non dissimile dalla performance del governatore Riad Salameh con la lira libanese negli ultimi trent’anni.
  2. Questi numeri sono arbitrari e hanno lo scopo di trasmettere un messaggio e non sono necessariamente accurati.
  3. Piuttosto, la valuta sì.
  4. È molto importante capire quanto segue: Hezbollah non è un’organizzazione libanese, è la stessa Repubblica islamica. In tutto e per tutto, Hezbollah è un’organizzazione iraniana non dissimile dai Pasdaran. Quindi, mentre Hezbollah può avere una certa autonomia finanziaria e operativa, servirà sempre gli interessi iraniani in primo luogo, a discrezione iraniana.


Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet