- Home > Politica > “L’Arabia Saudita. Uno Stato islamico contro le donne e i diritti” di Liisa Liimatainen
Politica

“L’Arabia Saudita. Uno Stato islamico contro le donne e i diritti” di Liisa Liimatainen

liisa-liimatainen-arabia-saudita-cover
Dal blog Con altre parole di Beatrice Tauro

In Arabia Saudita la paranoia religiosa supera spesso il confine del buon senso. L’interpretazione saudita prevalente dell’islam ha generato una confusione culturale, nella quale è emerso solo l’islam più tribale

In queste poche righe si concentra il pensiero espresso dalla giornalista e studiosa di islam Liisa Liimatainen nel suo ultimo libro sull’Arabia Saudita, pubblicato da Castelvecchi.

La giornalista finlandese che da anni studia il mondo mediorientale, nelle sue molteplici sfaccettature sociali, economiche, politiche e religiose, pone l’accento sulla pesantissima influenza che la religione esercita sulla vita sociale del popolo saudita e delle donne in particolare.

L’Arabia Saudita è notoriamente un paese governato da un regime assolutista che viola costantemente i più elementari diritti umani e le libertà fondamentali. Un Paese nel quale convive la contraddizione fra la spinta modernizzatrice che vuole avvicinarlo al mondo occidentale – che peraltro è il principale partner economico della monarchia – e il freno conservatore e reazionario che sottomette alla rigida interpretazione coranica i suoi cittadini.

L’Arabia è un paese con una significativa influenza economica, politica e religiosa nella regione mediorientale, ma altresì nelle relazioni con gli Stati Uniti d’America e con l’Unione Europea. Ma è anche il paese con un regime teocratico che si pone in posizione anacronistica nei confronti di quel processo di modernizzazione e rinnovamento tipico del mondo occidentale. All’interno di questa grande contraddizione si annida la sistematica violazione dei diritti umani.

In questo paese non è garantita la libertà di espressione, né la tutela delle minoranze religiose, spesso crudelmente perseguitate.

All’interno di questo sconfortante quadro si inserisce il tema della situazione femminile. Le donne in Arabia Saudita vivono in una situazione di evidente subalternità rispetto ai concittadini di sesso maschile: hanno avuto il diritto di voto solo nel 2011 ma hanno potuto esercitarlo solo nel 2015 e grazie alla battaglia portata avanti da quattro donne, due sunnite e due sciite, che, superando le barriere e le contrapposizioni religiose, hanno coordinato la lotta per il diritto di voto e portano avanti le battaglie per i diritti civili delle donne. Discriminazioni, abusi, violenze sono pane quotidiano per migliaia di donne saudite, indipendentemente dalla fascia economica di appartenenza, ma con una marcata accentuazione per quelle donne che appartengono alle classi meno abbienti.

Il volume della Liimatainen diviene quindi libro di inchiesta e denuncia insieme, un lavoro sul quale riflettere e dal quale far partire una mobilitazione sociale di livello internazionale per promuovere nella terra del profeta Muhammad, che si professa amica dell’occidente, una vera battaglia per i diritti umani e civili, per le libertà fondamentali dell’individuo e in maniera particolare per la componente femminile della società.


Beatrice Tauro

1 Commento

Clicca qui per postare un commento

  • […] Il 27/01/2017 La giornalista finlandese Liisa Liimatainen autrice del libro Arabia Saudita. Uno stato contro le donne e i diritti (Castelvecchi editore, 2016) presenterà il suo lavoro a Roma e Milano: Domenica 29 gennaio alla Libreria Griot di Roma Mercoledì 8 febbraio alla Libreria Claudiana di Milano Mercoledì 15 febbraio alla Libreria L'Argonauta di Roma Domenica 29 gennaio Libreria Griot ore 18,30 Presentazione del libro di Liisa Liimatainen “Arabia Saudita. Uno stato contro le donne e i diritti”. Parteciperanno l’autrice e Deborah Scolart, docente di Diritto musulmano presso l’Università Roma Tre. Via di Santa Cecilia 1/A – Trastevere 00153 Roma Tel/fax 06 58334116 e-mail: info@libreriagriot.it Mercoledì 8 febbraio Libreria Claudiana ore 18,00 Presentazione del libro L'Arabia Saudita. Uno stato contro le donne e i diritti. Insieme all'autrice, Liisa Liimatainen, interverranno: Giancarlo Bosetti – direttore di Reset Stefano Levi della Torre – accademico e saggista Sumaya Abdel Qader – sociologa e consiglera comunale Via Francesco Sforza, 12a Milano Tel/Fax 02 7602518 e-mail: libreria.milano@claudiana.it Mercoledì 15 febbraio ore 18,30 Libreria L'Argonauta – Libri Per Viaggiare Parliamo di Arabia Saudita con Liisa Liimatainen. Introduce Silia Galli – Arab Mesia Report (Reset) Via Reggio Emilia, 89 00198 Roma Telefono: 06 8543443 e-mail: info@librerialargonauta.com Liisa Liimatainen è stata corrispondente dall'Italia per la radio e televisione finlandese YLE per quasi un quarto di secolo, ma come inviata ha seguito costantemente la situazione nel mondo musulmano e in particolar modo gli eventi dell'area del Mediterraneo e del Medio Oriente a partire dagli anni '80. Nel 2009 è uscito il suo primo libro Iran: Il velo e la sfida. Cercando di capire la società iraniana (Iran: Huntu ja haaste. Yritys ymmärtää Iranin yhteiskuntaa , editrice Like). Nel 2010, a seguito delle elezioni presidenziali iraniane del 2009, pubblica un secondo libro, una sorta di aggiornamento del primo: Iran: la rivoluzione digitale del Movimento Verde (Iran: Vihreän liikkeen digitaalinen vallankumous – edito da Into-kustantamo). L'Arabia Saudita. Un Stato contro le donne e i diritti (Castelvecchi editore, 2016), uscito in Finlandia nell'ottobre 2013 per le edizioni Like con il titolo Saudi-Arabian toiset kasvot. Rohkeita naisia ja Kybernuoria, è il suo ultimo lavoro in finlandese. Titolo: L'Arabia Saudita. Un Stato contro le donne e i diritti Autore: Liisa Liimatainen Titolo originale: Saudi-Arabian toiset kasvot. Rohkeita naisia ja Kybernuoria Traduzione: Irene Sorrentino Casa editrice: Castelvecchi Anno di pubblicazione: 2016 Prezzo: 19,50 euro Un articolo di Beatrice Tauro su L'Arabia Saudita. uno stato contro le donne e i diritti […]

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz