News Politica

Arabia Saudita: asse Turchia-Paesi del Golfo per contrastare Iran

Elaph (31/01/2012). Esperti della regione sostengono che la convergenza di un’asse che vede insieme Turchia e Paesi del Golfo stia riflettendo un mutuo interesse ed un potenziale fulcro da cui prendere le mosse per contrastare le politiche dell’Iran e avere voce in capitolo tanto in Siria quanto in Iraq. L’uomo a capo del Centro di Ricerche del Golfo, ‘Abdul ‘Aziz Bin Saqr, riferisce di come “Ankara sembra essersi svegliata tutto a un tratto, capendo d’avere interessi economici di un certo spessore relativi ai Paesi arabi e agli Stati del Golfo in particolare”. Risale a sabato scorso l’incontro tra il Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG) e la Turchia, tenuto non a caso ad Istanbul, i cui temi hanno toccato sia la situazione in Siria e l’urgenza che accetti le disposizioni della Lega Araba, sia la questione dei rapporti con l’Iran. A tal riguardo, Bin Saqr ha detto che “la Siria resta il nodo cruciale per il Golfo e la Turchia, considerando che lì ogni azione internazionale passa per sentieri e aree sicure che coinvolgono strettamente la regione turca. Anche in uno scenario post-Assad, Ankara rivestirà un ruolo decisivo sia per la vicinanza, sia per possibili interferenze, che per l’economia”. Riguardo al Golfo, ha specificato che “nessuno degli Stati che ne fanno parte è disposto a discernere la questione Iran da quella dell’Iraq. Hanno bisogno perciò di controbilanciare creando un equilibrio attraverso la Turchia, in cui peraltro vivono sia curdi che turkmeni”.


Claudia Avolio

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz