News Politica

Algeria: Polisario in imbarazzo, europei non credono a sua versione sequestro Urru

Da Alif Post (10/01/2012). I vertici del Fronte Polisario sono in imbarazzo nei confronti delle diplomazie dei paesi europei a quasi tre mesi di distanza dal rapimento dell’italiana Rossella Urru e dei suoi due colleghi spagnoli, sequestrati a Tinduf, nel sud dell’Algeria, il 23 ottobre scorso. Nonostante sia passato tutto questo tempo non si hanno notizie dei tre europei ne’ sembra vicina la loro liberazione. Secondo quanto riporta il sito informativo marocchino ‘Alif Post’, non regge la versione fornita dai vertici del Polisario all’opinione pubblica internazionale per giustificare il rapimento dei tre cooperanti, avvenuto nella sede centrale del gruppo separatista, il campo di Rabboni, noto per essere circondato da uomini armati e postazioni difensive. In particolare e’ debole la tesi secondo la quale a rapire la Urru sia stato un gruppo dissidente di al-Qaeda nel maghreb islamico, che e’ uscito fuori rivendicando il rapimento solo dopo che i terroristi islamici avevano negato di avere nulla a che fare con questo episodio.

Sembra invece prendere piede di giorno in giorno l’ipotesi che dietro il sequestro ci siano elementi legati in qualche modo allo stesso Polisario i quali avrebbero agito unicamente per ottenere soldi. Le dinamiche del rapimento risultano ancora misteriose se si considera la geografia del luogo nel quale e’ avvenuto, perche’ la zona e’ controllata unicamente dai miliziani del Polisario e dell’esercito algerino. Per questo si pensa che chi ha materialmente sequestrato i tre europei indossasse divise del Fronte Polisario. Nonostante il gruppo che si autodefinisce “Organizzazione del Tawhid e del Jihad nei paesi dell’Africa orientale” abbia inviato all’Afp un video di rivendicazione, gli esperti di anti-terrorismo europei che seguono la regione del Sahel africano dubitano sul fatto che ci sia stata una scissione in al-Qaeda. Non e’ inoltre chiaro il perche’ proprio ora un paese come il Mali abbia deciso di espellere dal proprio territorio dei miliziani del Polisario che si erano infiltrati nella stessa regione nella quale e’ attiva al-Qaeda. Intanto il Polisario per evitare problemi ha allontanato alcuni suoi alti funzionari che gestivano gli aiuti internazionali da Rabboni, mentre sono andati via da Tinduf quasi tutti gli operatori stranieri.


Zouhir Louassini

Zouhir Louassini. Giornalista Rai e editorialista L'Osservatore Romano. Dottore di ricerca in Studi Semitici (Università di Granada, Spagna). Visiting professor in varie università italiane e straniere. Ha collaborato con diversi quotidiani arabi tra cui al-Hayat, Lakome e al-Alam. Ha pubblicato vari articoli sul mondo arabo in giornali e riviste spagnole (El Pais, Ideas-Afkar). Ha pubblicato Qatl al-Arabi (Uccidere l’arabo) e Fi Ahdhan Condoleezza wa bidun khassaer fi al Arwah ("En brazos de Condoleezza pero sin bajas"), entrambi scritti in arabo e tradotti in spagnolo.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz