Algeria News Politica

Algeria: nuova ondata di rifugiati dal Mali

rifugiati-maliEl-Watan (25/01/2013). “Ho riscontrato una grande affluenza di rifugiati che lasciavano le regioni al nord del Mali per dirigersi inizialmente a In Khelil, a 18 km dalla frontiera Algeria-Mali, e poi tentare di raggiungere l’Algeria” ha dichiarato un osservatore indipendente installato tra Bordj Badji Mokhtar et In Khelil. “I militari algerini tollerano i rifugiati che raggiungono l’Algeria, spesso impoveriti e affaticati dal viaggio, senza dimenticare che abbandonano i loro beni e il bestiame durante il tragitto, per spostarsi più velocemente”, continua. Dopo l’operazione militare francese Serval, diverse migliaia di persone hanno raggiunto i campi per rifugiati dei paesi vicini. l’intervento, destinato a fermare l’avanzata dei gruppi terroristi e ad affrontare le minacce nella regione, ha creato movimenti interni della popolazione maliana.

“Durante i giorni scorsi, gente del nord del Mali è fuggita in fretta verso il deserto o i boschi, dove la loro sicurezza è in pericolo. Si trovano in ambienti ostili senza strutture sanitarie e con accesso ridotto al nutrimento e all’acqua”, scrive l’IDMC (centro di monitoraggio dello spostamento interno), un ONG con sede a Ginevra che collabora con le Nazioni Unite. Contrariamente a quello che si riporta nei media, la chiusura della frontiera algerina al nord e il rinforzo del controllo non hanno frenato la fuga dei profughi.

“Tutti diffidano dei rifugiati, perché tra loro ci sono dei membri infiltrati dei gruppi terroristi. La verifica dei documenti è difficile, spesso i rifugiati abbandonano tutto lungo la strada quando si trovano in pericolo”, spiega una fonte diplomatica maliana e prosegue: “L’Algeria ha aiutato molto i profughi sul suo territorio e negli altri paesi. Il fatto di permettergli il ritorno e il sostenerli, prova che l’Algeria è una nazione che sostiene il Mali”. Circa 700 mila persone potranno essere, nell’avvenire prossimo, sia spostati all’interno del Mali, sia rifugiati nei paesi vicini in seguito a nuovi combattimenti, ha indicato l’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite (UNHCR). L’ultimo censimento dell’ONU, diffuso il 14 gennaio, ha contabilizzato 220 mila spostamenti di persone nel paese e 147 mila rifugiati nei paesi limitrofi.

 

Emanuela Barbieri

Emanuela Barbieri

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

summer_school_a_tangeri

Ultimi tweet