Iraq Zoom

Iraq: dall’idolo all’adorazione degli idoli

Di Abdulrahman Dara Sulemain. Elaph (12/01/2016). Traduzione e sintesi di Laura Giacobbo.

La caduta nel vuoto è la conseguenza logica della sostituzione del sistema politico. L’entrata in un luogo privo di gravità e di peso, il vagare nelle tenebre non è una scelta. L’élite politica è formata da coloro che hanno collezionato lunghe esperienze nella tessitura di intrighi. Gli spiriti oscuri odiano il sole. Il loro vero posto è nei cunicoli e nelle grotte, e non in posizioni di alto livello dello Stato.

L’autocrazia è una miniera di intolleranza e contribuisce a rafforzare la lealtà e l’obbedienza cieca verso il dittatore senza alcuna discussione. I tiranni spesso ascoltano solo i pareri che vogliono. La sordità non è un aspetto dei sistemi politici, ma la caratteristica intrinseca del caos. In esso si diffonde il frastuono e il fracasso. Si mescolano verità con l’inutile, il competente con l’ignorante, il ladro con l’onesto, l’irrazionale con il saggio, il sincero con il bugiardo, le vittime vere con le vittime false, la devozione con l’immoralità, la politica con l’intermediazione, il dittatore con le sue vittime.

Ma è il caos è una costante dopo le dittature? Per me è no. La libertà è incerta quando non è legata alla responsabilità, alla consapevolezza e alla conoscenza. Ciò non significa fare quello che si vuole, non significa andare in tutte le direzioni senza un senso, una bussola o una guida. Le libertà politiche sono necessarie e richieste, ma non rende necessariamente liberi i suoi individui, soprattutto quando si è in schiavitù, sottomessi e dipendenti nel profondo.

La libertà è un lavoro duro, difficile e lungo che può durare tutta la vita. La libertà è un confronto aperto con chi domina, una sfida per i musulmani, la consapevolezza di sé, il rispetto interno per l’individualità e il loro diritto alla diversità.

Le operazioni di contraffazione, negazione e distorsione dalla verità influenzano la politica, la cultura, la religione, i media ed ogni campo. Il sole della verità ci libererà, perché esso intimidisce le ali false.

Abdulrahman Dara Sulemain è giornalista per Elaph.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz